Paus: “L’annessione di Fiume e Istria all’Italia non sarà oggetto di discussioni politiche”

Il presidente dell'Assemblea democratica istriana ha invitato la futura premier Meloni a dissociarsi dai "messaggi pericolosi" inviati in campagna elettorale

L’annessione di Fiume (Rijeka) e dell’Istria all’Italia non sarà mai oggetto di discussioni politiche. Lo ha dichiarato il presidente dell’Assemblea democratica istriana (Ids), Dalibor Paus, dopo la vittoria della leader del partito Fratelli d’Italia Giorgia Meloni alle elezioni politiche che si sono tenute domenica in Italia. Secondo l’agenzia di stampa “Fonet”, lo stesso Paus ha invitato la futura premier a dissociarsi dai “messaggi pericolosi” inviati in campagna elettorale. “Chiediamo al futuro primo ministro Meloni di prendere le distanze dai messaggi populisti che sono stati inviati in campagna elettorale con l’obiettivo di ottenere i voti di un elettorato fortemente orientato a destra”, ha affermato Paus, sottolineando che dei “messaggi irredentisti danneggiano la reputazione dell’Italia nell’Unione Europea e le relazioni di buon vicinato con la Croazia, ma soprattutto con i membri della minoranza autoctona italiana”. “La questione dei confini è stata risolta più di 70 anni fa e non sarà mai oggetto di discussioni serie”, ha affermato Paus.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram