Banner Leonardo

Cresce il bilancio delle vittime in Myanmar: la folla assalta e devasta le fabbriche cinesi

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Un’altra domenica di sangue ha lasciato almeno 59 morti e 129 feriti sulle strade del Myanmar, dove continua ad aggravarsi la crisi aperta dal colpo di Stato militare dello scorso primo febbraio. A indicarlo sono fonti mediche citate dal portale “Myanmar Now”, che aggrava ulteriormente il bilancio già preoccupante fornito dall’Associazione birmana per l’assistenza ai prigionieri politici. In totale, dall’inizio delle proteste, le forze di sicurezza hanno ucciso almeno 120 persone, mentre più di 2 mila sono quelle arrestate. La giunta militare ha imposto la legge marziale in due distretti di Yangon, Hlaing Tharyar e Shwe Pyithar, che consentirà alle forze armate di esercitare l’autorità amministrativa e giudiziaria. Ma intanto la protesta va assumendo tratti sempre più anti-cinesi: Pechino è accusata dai manifestanti di sostenere la giunta militare e di aver favorito (se non addirittura orchestrato) il colpo di Stato che ha deposto la consigliera di Stato Aung San Suu Kyi e il presidente Win Myint, e particolare scalpore ha fatto nei giorni scorsi un documento, pubblicato sui social, secondo il quale il Partito comunista cinese avrebbe convocato ufficiali birmani per chiedere protezione per gli interessi economici di Pechino in Myanmar. Questa mattina l’ambasciata della Repubblica popolare a Yangon ha dato notizia di almeno 32 fabbriche cinesi attaccate e date alle fiamme durante le violenze di ieri, con danni pari a circa 37 milioni di dollari. Negli attacchi sono anche rimasti feriti due lavoratori cinesi. Più tardi, in conferenza stampa, il portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Zhao Lijian, ha definito gli episodi “molto gravi” e ha nuovamente sollecitato le autorità militari del Myanmar perché adottino misure urgenti volte a porre fine agli attacchi e a consegnare alla giustizia i responsabili delle azioni di ieri.


Pechino precisa che le società prese di mira – principalmente di abbigliamento – si trovano nella zona industriale di Shwe Lin Ban, nel comune di Hlaing Thar Yar, vicino Yangon. Secondo quanto riferito dal “Global Times”, due fabbriche cinesi note come Huanqiu e Meijie sono state gravemente danneggiate. L’ambasciata di Pechino ha contattato le aziende colpite e ha chiesto alla polizia locale di intervenire per garantire la sicurezza delle aziende e del personale. Nella nota, l’ambasciata ricorda che gli investimenti cinesi nell’industria tessile in Myanmar hanno creato quasi 400mila posti di lavoro nel Paese, e che simili episodi di violenza danneggeranno anche gli interessi del popolo birmano. Secondo quanto riferito da testimoni locali ai media, le fabbriche sono state prese di mira da gruppi formati da circa 20-30 motociclisti armati con sbarre di ferro, asce e taniche di benzina. Dall’altra parte c’è l’India, Paese che si sta ritagliando sempre più un ruolo di antagonista regionale della Cina e che negli ultimi anni ha rafforzato la propria presenza in Myanmar.

Il portale “Outlook India” ha riferito nelle ultime ore di diversi ufficiali militari birmani fuggiti dal loro Paese dopo aver ricevuto “l’ordine di sparare ai manifestanti” e di “picchiarli”. Dopo aver disobbedito agli ordini, un numero imprecisato di ufficiali birmani sono fuggiti in India. Rimane alta la preoccupazione per le loro famiglie, dopo che i militari birmani hanno minacciato di arrestare i familiari dei disertori. Giò all’inizio di questo mese il Myanmar ha chiesto all’India di estradare gli agenti di polizia che hanno attraversato il confine. Il timore di Naypyidaw è che proprio in India possa formarsi un nucleo di disertori in grado di organizzare una resistenza alla giunta militare. Frattanto il Giappone ha fatto sapere, attraverso il capo di gabinetto Katsunobu Kato, che sta monitorando con attenzione gli sviluppi in Myanmar dopo il colpo di Stato dello scorso primo febbraio e sta valutando una risposta. “Il Giappone sta valutando come rispondere alla situazione in Myanmar in termini di cooperazione economica e politica, prendendo anche in considerazione le risposte di altri Paesi coinvolti”, ha spiegato l’alto funzionario. Parole che giungono dopo che la Corea del Sud ha annunciato la sospensione della cooperazione in materia di difesa con il Myanmar e l’imposizione di un divieto all’esportazione di armi verso il Paese dell’Asia meridionale.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

donald trump

Usa: oggi le primarie repubblicane in Carolina del Sud, Trump strafavorito su Haley

L'ex ambasciatrice alle Nazioni Unite spera in una prestazione migliore del previsto nel suo Stato d'origine, tuttavia i sondaggi attribuiscono all'ex presidente Usa un vantaggio medio a livello statale di circa 30 punti percentuali

La dichiarazione finale del summit di Kiev: ecco i punti principali

I Paesi del G7 chiedono alla Russia “di cessare immediatamente la sua guerra di aggressione e ritirare completamente e incondizionatamente le sue forze militari dal territorio internazionalmente riconosciuto dell’Ucraina”

Draghi alla riunione Ecofin: “Confronto con i ministri sul tema della competitività Ue”

La relazione esaustiva di Draghi è attesa per la fine di giugno. Successivamente, il Consiglio di economia e finanza "elaborerà ulteriormente e metterà in atto le soluzioni individuate"

Niger: la Cedeao annuncia la revoca delle sanzioni “con effetto immediato”

La decisione, ha affermato il presidente della Commissione Cedeao, Omar Alieu Touray, è stata presa “per motivi puramente umanitari” e per alleviare le sofferenze causate alla popolazione nigerine

Il corpo del dissidente russo Navalnyj è stato consegnato alla madre

La donna si trova ancora a Salekhard. I funerali sono ancora in sospeso

Altre notizie

Gaza: lunedì Israele consegnerà alla Corte dell’Aia il rapporto sulle misure per prevenire il genocidio

Il documento redatto dal ministero degli Esteri e della Giustizia si concentrerà sull'ordine di "prevenire e punire l'incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio", di adottare misure immediate per "consentire la fornitura di servizi di base"

Cortei a Pisa, Mattarella a Piantedosi: L’autorevolezza delle forze dell’ordine non si misura sui manganelli

Le parole del Capo dello Stato fanno seguito agli eventi di Pisa dove si sono verificati scontri durante un corteo studentesco contro la guerra a Gaza

Gaza, “Axios”: Il nuovo piano di accordo prevede sei settimane di tregua e il rilascio di 40 ostaggi

La proposta, elaborata durante i negoziati avvenuti ieri a Parigi, in Francia, prevede anche la liberazione di centinaia di prigionieri palestinesi detenuti nelle carceri israeliane
houthi mar rosso

Mar Rosso, Centcom: “Possibile disastro ambientale causato da una nave mercantile colpita dagli Houthi”

L’attacco alla nave Rubymar rappresenta il danno più significativo mai inflitto a una nave commerciale da quando gli Houthi hanno iniziato a sparare sulle navi a novembre come forma do rappresaglia contro l'offensiva israeliana a Gaza

Ucraina: Zelensky, Meloni e gli altri leader depongono corone di fiori al Muro del ricordo – video

Situato nei pressi del complesso di San Michele, il Muro del ricordo dei caduti per l’Ucraina rappresenta una delle più toccanti testimonianze riguardanti il conflitto