Banner Leonardo

“Convergenza” sulla Libia e ritardi vaccini in Ue: l’incontro Di Maio – Le Drian

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

La stabilizzazione della Libia e l’accelerazione della campagna di vaccinazione in tutta Europa, anche attraverso “azioni forti” condivise a livello europeo per mettere le case farmaceutiche di fronte alle loro responsabilità. Sono stati questi i temi principali del colloquio odierno fra il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e l’omologo francese, Jean Yves-Le Drian, oggi alla Farnesina. Il capo della diplomazia italiana ha indicato l’appuntamento dell’8 marzo, quando si terrà il voto di fiducia della Camera dei rappresentanti al governo di transizione: è la “strada maestra” nel processo di stabilizzazione del Paese. “Ci siamo confrontati sul dossier libico non solo come ministri degli Esteri ma abbiamo promosso un proficuo confronto fra le nostre intelligence. La Libia è entrata in una fase cruciale del suo percorso, un’importante transizione, un risultato per cui la comunità internazionale ha profuso grandi sforzi, in particolare le Nazioni Unite”, ha detto Di Maio. Fra gli altri punti cruciali nel dossier libico, Di Maio ha indicato: “La tenuta della data delle elezioni fissate il 24 dicembre 2021; la piena attuazione dell’accordo sul cessate il fuoco del 23 ottobre scorso, incluso il competo ritiro di mercenari stranieri; e l’attenuazione della crisi socio-economica”.


Di Maio ha spiegato che durante l’incontro si è ribadita “la necessità di un’immediata cessazione delle violazioni dell’embargo di armi e abbiamo confermato l’importanza della missione Irini in materia di sostegno all’embargo di armi e ai traffici illegali”, ha detto Di Maio, che ha ringraziato “la Francia per il significativo contributo a Irini, i cui risultati sono tangibili e possono migliorare. Abbiamo inoltre apprezzato l’invio di un advanded team Onu che speriamo possa portare a ulteriore dispiegamento di osservatori delle Nazioni Unite”. Secondo il ministro francese Le Drian, sulla Libia vi è “piena convergenza di vedute” tra Italia e Francia. Le Drian ha evidenziato che la Francia sostiene pienamente la missione affidata all’esecutivo di transizione in Libia e “auspichiamo fortemente che la nuova composizione del governo ottenga presto il voto di fiducia”. Secondo Le Drian, la missione di questo esecutivo di transizione è quella di preparare le elezioni del 24 dicembre: “Francia e Italia sono pronte a fare quanto necessario per assicurare il rispetto di questa data”, ha detto, rimarcando anche l’importanza del completo ritiro delle forze straniere dalla Libia e del rispetto del cessate il fuoco.

In merito al blocco imposto dall’Italia di 250 mila forniture di vaccini anti Covid-19 destinate all’Australia, il titolare della Farnesina ha espresso una posizione molto ferma, affermando che è giusto che i Paesi membri dell’Ue blocchino l’export di dosi verso i Paesi non vulnerabili. “Le case farmaceutiche sono in ritardo con le forniture assicurate all’Ue, e questi ritardi sono inaccettabili. Tutta Europa è attraversata dalla variante inglese e dalla preoccupazione per l’aumento dei contagi, ieri sono stati 23 mila solo in Italia”, ha detto Di Maio. “Alcune case farmaceutiche producono sul territorio europeo e c’è un regolamento Ue che dice che un Paese può proporre di bloccare l’export di vaccini verso Paesi non vulnerabili ed è per questo che l’abbiamo fatto in coordinamento con l’Ue. Non è un atto ostile verso l’Australia”, ha aggiunto Di Maio. “Solidarietà massima verso i Paesi in via di sviluppo, ma allo stesso tempo dobbiamo pretendere dalla case farmaceutiche il rispetto di tempi e forniture”, ha detto il ministro. “Stiamo muovendo ogni nostra mossa come Stato membro dell’Ue: l’Italia farà rispettare gli impegni perché la campagna vaccinale deve accelerare in tutta Europa”, ha concluso Di Maio. In questo senso, il ministro francese Le Drian ha parlato dell’importanza della cooperazione Ue per ottenere i vaccini contro il Covid-19, sottolineando la collaborazione positiva tra Italia e Francia su tutte le altre questioni prioritarie.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

detenuti

Haiti: gruppi armati assaltano il carcere della capitale

Nel quadro di una situazione fortemente confusa, il quotidiano regionale “El Colombiano” ha pubblicato un audio con la richiesta di aiuto dei militari in servizio nel carcere

Ciad: la morte dell’oppositore Dillo non convince, Ue e ong chiedono una indagine

Nel Paese la situazione rimane di forte tensione dopo le violenze scoppiate nei giorni scorsi nella capitale

Scossa di magnitudo 3.4 ai Campi Flegrei, paura ma nessun danno

Il terremoto è stato registrato questa mattina poco dopo le 10

Pakistan: Shehbaz Sharif eletto primo ministro, è il suo secondo mandato

La Lega musulmana di Nawaz Sharif, pur non ottenendo la maggioranza, è risultata il primo partito

Svizzera: 50enne ebreo ortodosso accoltellato a Zurigo, fermato un 15enne

L’uomo, secondo quanto riferito dalle autorità, è stato ricoverato d’urgenza

Altre notizie

Primarie Usa: Trump vince in Michigan, Missouri e Idaho

Le vittorie, sottolinea la stampa statunitense, aprono la strada all’ex presidente in vista del “Super Tuesday” della prossima settimana

Gaza: in Egitto nuovi colloqui per la tregua e la liberazione di ostaggi, assente la delegazione di Israele

Lo ha confermato al quotidiano “Times of Israel” un funzionario dello Stato ebraico

Crosetto: “Hamas va sradicato ma il popolo palestinese va protetto”

Sul Mar Rosso: "L’Italia non è li per fare azioni di guerra, ma per difendere le sue navi"
putin malore arresto cardiaco

L’85 per cento dei russi pensa che Putin abbia un piano chiaro per lo sviluppo del Paese

Un intervistato su dieci pensa che "non ci siano strategie”