Congo-Kinshasa: l’aviazione congolese effettua i primi raid contro le postazioni dei ribelli M23 nel Nord Kivu

I raid avvengono dopo che ieri sono arrivati a Goma i primi contingenti delle Forze di difesa del Kenya

ituri congo ribelli M23

Due aerei da combattimento delle Forze armate della Repubblica democratica del Congo (Farc) hanno effettuato questa mattina i primi attacchi aerei alle postazioni dei ribelli del Movimento 23 marzo (M23) a Chanzu e Musungati, nella provincia orientale congolese del Nord Kivu. Lo riferisce il portale d’informazione “Pepele News”, citando fonti d’intelligence militare. Nessun bilancio è disponibile in questo momento, tuttavia diverse fonti parlano di significativi spostamenti della popolazione verso il vicino Uganda. I raid avvengono dopo che ieri sono arrivati a Goma, capoluogo del Nord Kivu, i primi contingenti delle Forze di difesa del Kenya (Kdf) schierati in Repubblica democratica del Congo (Rdc) nel quadro della Forza regionale della Comunità dei Paesi dell’Africa orientale (Eacrf), approvata nel giugno scorso dai leader della Comunità dei Paesi dell’Africa orientale (Eac). Anche i contingenti di Uganda e Burundi sono presenti nel Nord Kivu, dove dal maggio 2021 vige lo stato d’assedio.

Le tensioni nell’est della Rdc sono riesplose di recente dopo la conquista da parte dell’M23 delle città di Kiwandja e Rutshuru e la decisa avanzata dei ribelli verso Goma, capoluogo del Nord Kivu e centro del potere provinciale. Nel Paese rimangono forti le tensioni con il vicino Ruanda, che Kinshasa accusa di sostenere l’M23: dopo l’espulsione dell’ambasciatore ruandese Vincent Karega, a Goma decine di persone sono scesi in strada per protestare contro la crescente insicurezza e la presunta ingerenza del governo ruandese in fatti di politica interna, con episodi di scontri registrati con le forze dell’ordine congolesi che hanno ricevuto ordine di contenere le folle. Ieri, inoltre, il governo ruandese ha denunciato la violazione del proprio spazio aereo dopo che un velivolo modello Sukhoi-25 dell’aeronautica congolese ha sorvolato lo spazio aereo di Kigali ed è atterrato brevemente all’aeroporto di Rubavu, nella Provincia occidentale. Il governo di Kinshasa ha tenuto a precisare che “non era sua intenzione violare intenzionalmente lo spazio aereo”. Nel frattempo i leader della Comunità dell’Africa orientale (Eac) si sono riunito in via informale a margine della Cop27 in Egitto per discutere della crescente insicurezza nella Rdc orientale.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram