Le chiusure nel fine settimana rischiano di distruggere il potenziale produttivo

Chiusure

Il segretario generale della Confesercenti, Mauro Bussoni, ha detto che le chiusure delle attività nei weekend “avrebbe chiaramente delle forti ripercussioni economiche, soprattutto sui pubblici esercizi ma anche sui negozi”. In un’intervista ad “Agenzia Nova“, Bussoni ha voluto sottolineare come la “salute pubblica” sia prioritaria “ma dobbiamo cambiare modello: ormai è evidente che chiudere le attività, a fronte dei magri ristori arrivati finora, non è una soluzione sostenibile a lungo termine. Dodici mesi di ‘start e stop’ – ha aggiunto – hanno avuto un impatto gravissimo sulle attività, in particolare su commercio e turismo”. Alla luce della situazione, secondo Bussoni, “si rischia di distruggere il potenziale produttivo di interi comparti e scaricando il peso della pandemia solo su una parte della società”.

Per Fapi le chiusure sono una “vera follia”

Chiudere nuovamente nel fine settimana bar e ristoranti sarebbe “una vera follia”. Ne è convinto anche il presidente della Federazione autonoma piccole imprese (Fapi), Gino Sciotto, che in un’intervista ad “Agenzia Nova” ha chiarito che “non si possono uccidere solo le partite iva impegnate nella somministrazione di cibi e bevande. Qualora tale decisione fosse assunta definitivamente – ha aggiunto il presidente – non potrebbe che arrecare nuovi danni ad un settore già fortemente penalizzato dalla pandemia”. Invece “chiediamo al governo di accelerare sulle vaccinazioni e di potenziare i controlli sul rispetto delle misure anti-covid per tenere aperti i bar e i ristoranti nel week end”, ha concluso Sciotto.

Leggi altre notizie su Nova News
Seguici su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram