Cina: lunghe code sotto la neve per i test anti Covid obbligatori – video

Negli ultimi giorni il Paese è stato teatro di una violenta ondata di proteste contro il rigido protocollo sanitario

I cittadini cinesi, anche sotto la neve, sono costretti a lunghissime code per sottoporsi ai test anti Covid-19 obbligatori imposti dal governo di Pechino. Negli ultimi giorni il Paese è stato teatro di una violenta ondata di proteste contro il rigido protocollo sanitario.


Intanto le autorità cinesi stanno allentando le restrizioni, in risposta alla violenta ondata di proteste contro il protocollo sanitario che ha travolto il Paese. La città di Shenzhen, nel sud-est della Cina, non richiede più un test negativo per accedere al trasporto pubblico e entrare nei parchi. Misure simili sono state adottate nelle città di Chengdu e Tianjin. A Pechino alcune cabine per i test anti Covid sono state rimosse, dopo che le autorità locali hanno rimosso l’obbligo di test negativo per entrare nei supermercati e si preparano a fare lo stesso per l’accesso alle metropolitane. Un cambio di passo nella battaglia contro il virus era già stato segnalato dalla vice prima ministra Sun Chunlan, che in un recente articolo pubblicato dall’agenzia di stampa statale “Xinhua” ha affermato che “il Paese è messo a confronto con una nuova situazione e nuovi compiti nella prevenzione e nel controllo del virus”.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram