Banner Leonardo

Al San Camillo un cuore in una scatola, per la prima volta eseguito un intervento con tecnica Ocs

La tecnica col sistema di trasporto associato a perfusione permette di conservare il cuore in una scatola sterile e di farlo battere grazie alla stimolazione elettrica, così da consentire all'organo espiantato di percorrere tragitti lunghi anche oltre le 6 ore

Roma
,

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

Per la prima volta nel Lazio e nel centro sud, al San Camillo Forlanini è stato eseguito con successo un trapianto di cuore utilizzando un sistema di trasporto associato a perfusione, noto come Ocs, che permette di conservare il cuore in una scatola sterile e di farlo battere grazie alla stimolazione elettrica, così da consentire all’organo espiantato di percorrere tragitti lunghi anche oltre le 6 ore. “Il San Camillo ha una importante tradizione nell’ambito della Cardiochirurgia, e anche in questo la professionalità e la competenza dei nostri medici e di tutto il personale sanitario ha permesso di raggiungere un risultato straordinario, sperimentando una tecnica articolata e difficile – dichiara il direttore generale dell’Azienda ospedaliera San Camillo Forlanini, Narciso Mostarda -. Dall’inizio del 2023 l’equipe di Cardiochirurgia San Camillo ha eseguito 12 trapianti di cuore, confermando un trend in costante crescita”.


Ad eseguire il trapianto è stata l’equipe di Cardiochirurgia guidata dal dottor Federico Ranocchi, grazie al supporto dei tecnici perfusionisti del gruppo del dottor Carlo Contento e il cardioanestesista dottor Emilio D’Avino. A coordinare le complesse operazioni è stato il Centro Trapianti Regionale, che ha sede nel nostro ospedale, diretto dal dottor Mariano Feccia. L’obiettivo, possibile grazie all’uso della tecnica Ocs, è quello di aumentare circa del 20, 30% il numero di trapianti/anno avendo a disposizione una platea più ampia di possibili donatori. Nel caso del trapianto eseguito al San Camillo, il cuore proveniva da Lecce e l’impianto dell’organo è stato eseguito lo scorso mese. Il paziente che ha ricevuto il cuore, ha superato con successo l’intervento e la fase di stabilizzazione post operatoria, nonché la prima tranche di controlli a seguito del trapianto.

Si tratta di un importante risultato per professionisti della cardiochirurgia del San Camillo, formati grazie alla scuola del professore Francesco Musumeci tra i più noti e pioneristici cardiochirurghi italiani, che a fine estate ha lasciato il San Camillo per sopraggiunto pensionamento e ha affidato “in buone mani” il programma trapianti di cuore da lui avviato e consolidato negli anni. L’Ocs – Organ care system – è una tecnica, nata negli Stati Uniti, che permette all’organo destinato al trapianto di poter sopportare, senza deperimento, tempi di trasporto più lunghi. Il sistema OCS è composto da una piccola scatola sterile, a temperatura controllata, al cui interno viene posizionato il cuore espiantato e successivamente collegato a un sistema di perfusione e ossigenazione e ad alcuni elettrodi: il “cuore in scatola” può così tornare a battere.

“Il cuore battente all’interno dell’Ocs può essere valutato dal punto di vista strumentale e biochimico, attraverso esami come ecocardiogramma e coronarografia. Grazie a questa tecnica, non solo si rende possibile il prelievo di organi in luoghi lontani e poco collegati dalla rete di trasporto: la riperfusione permette una vera e propria rigenerazione dell’organo e una valutazione della sua efficienza, compresa la sua contrattività meccanica, prima del trapianto, ampliando quindi anche la quantità di organi idonei all’impianto. Inoltre il sistema Ocs, in linea con le nuove direttive del Centro Nazionale Trapianti, permette di tracciare l’organo in ogni momento del viaggio”, conclude la nota.

Leggi anche altre notizie su Nova News
Seguici sui canali social di Nova News su Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, Telegram

© Agenzia Nova - Riproduzione riservata

ARTICOLI CORRELATI

Ultime notizie

Stellantis

Torino: ad aprile sciopero dei sindacati per chiedere il rilancio della produttività di Stellantis

Le organizzazioni sindacali chiedono un secondo modello di massa per rilanciare l'impianto di Mirafiori e allo stesso tempo l'arrivo di un secondo produttore automotive
lavrov

Lavrov: “La dichiarazione di Macron sull’invio di truppe in Ucraina? Un fatto serio”

Il ministro degli Esteri russo sottolinea: "Non ci aspettiamo cambiamenti dopo le presidenziali negli Stati Uniti"

Strage di Erba: rinviata al 16 aprile la nuova udienza con l’intervento della difesa

Più tempo per leggere le memorie depositate e il non dover discutere oggi nel merito dell'istanza: queste le richieste dell'avvocato dei coniugi Romano

Erogazione del credito e sicurezza sul lavoro: Cgil e Uil firmano un accordo con la Banca del Fucino

La Banca del Fucino si impegna a concedere credito solo a imprese edili che rispettino la normativa in materia di sicurezza sul lavoro e delle norme di salute e sicurezza nei cantieri e che applichino il contratto nazionale edili

Etiopia: quasi un milione di bambini soffrirà di malnutrizione acuta

A complicare ulteriormente la situazione, in tutta la nazione è in corso un'emergenza sanitaria con focolai di colera, morbillo, dengue e malaria

Altre notizie

Valditara: “Sugli studenti stranieri le mie proposte vanno verso la vera integrazione”

"Voglio salvaguardare tempi e qualità di apprendimento di tutti gli studenti, senza nessuna ghettizzazione"

Spagna: il procedimento per terrorismo contro Puigdemont è un altro ostacolo per il governo Sanchez

Sono a rischio le già complesse trattative dell'esecutivo con Uniti per la Catalogna per raggiungere un accordo sulla legge di amnistia

Musk denuncia l’Ad di OpenAI: “Dà priorità ai profitti e non ai benefici per l’umanità”

Lo scontro vede ora Musk, secondo uomo più ricco del mondo, contro l'azienda di maggior valore al mondo, Microsoft

La viceministra norvegese Varteressian: “Non solo energia, uniamo le nostre industrie anche in altri rami”

La Norvegia non fa parte dell’Ue “ma siamo i non membri più vicini. Siamo un vero partner”

Pil, Istat: nel 2023 crescita dello 0,9 per cento, +4 per cento nel 2022

"La crescita - si legge nella nota dell'Istituto - è stata principalmente stimolata dalla domanda nazionale al netto delle scorte, con un contributo di pari entità di consumi e investimenti"