CORONAVIRUS

 
 

Coronavirus: Gori, no zona rossa Bergamo ha prodotto onda contagi di cui stiamo ancora pagando prezzo

Milano, 18 mar 2020 11:54 - (Agenzia Nova) - Interpellato sul fatto perché l’emergenza Coronavirus abbia colpito così duramente la zona di Bergamo, il sindaco del capoluogo Orobico, Giorgio Gori, intervistato ad ‘Agorà’ su Rai Tre, ha detto: Credo che i fatti derivino dal focolaio della Val Seriana che non sappiamo perché si sia generato proprio lì nell’ospedale di Alzano. Ma certamente sono passati giorni prima che le prime polmoniti, causate da Coronavirus, venissero diagnosticate e questo ha provocato in quel comune e in quelli vicini un focolaio paragonabile a quello di Codogno". Per il sindaco Gori, “la differenza sta che a Codogno si è fatta la zona rossa mentre qui si è aspettato qualche giorno prima di decidere una misura molto più estesa come quella per tutta le regione e le altre 14 province italiane”. “Questo - ha concluso - ha certamente prodotto a pochi chilometri dalla città che ha prodotto un’onda di contagi di cui ancora oggi noi stiamo pagando il prezzo”. (Rem)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE