FINESTRA SUL MONDO
 
Finestra sul mondo: Usa, Pompeo contrario a deposizioni funzionari dipartimento di Stato su impeachment
 
 
New York, 02 ott 11:24 - (Agenzia Nova) - Il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo, si è scagliato contro i Democratici del Camera dei rappresentanti, accusandoli di "intimidazioni" e "prevaricazioni" e avvertendo che i funzionari del dipartimento di Stato non si sottoporranno agli interrogatori fissati per questa settimana dalle commissioni della Camera dei rappresentanti a guida democratica, in relazione all'indagine sull'impeachment, fino a quando "non avremo ulteriore chiarezza su queste questioni". In una lettera pubblicata su Twitter ieri, 1° ottobre, Pompeo ha criticato i parlamentari della Camera che indagano sulla telefonata di luglio tra il presidente Donald Trump e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, accusandoli di essere ricorsi a intimidazioni per costringere il personale del dipartimento di Stato a comparire davanti alle commissioni. "Sono preoccupato da alcuni aspetti della richiesta della commissione (Intelligence della Camera) che si possono capire solo come un tentativo di intimidire, bullizzare e trattare impropriamente distinti professionisti del dipartimento di Stato, inclusi diversi diplomatici di carriera", ha scritto Pompeo. "Voglio essere chiaro: non tollererò tattiche del genere e userò ogni mezzo a mia disposizione per prevenire e denunciare qualsiasi tentativo di intimidire professionisti impegnati che sono orgoglioso di guidare e servire nel dipartimento di Stato", ha aggiunto il segretario di Stato. I legislatori della Camera hanno chiesto di ascoltare mercoledì l'ex ambasciatore statunitense in Ucraina, Marie Yovanovitch; giovedì toccherebbe all'ex inviato speciale degli Stati Uniti in Ucraina, Kurt Volker, che si è dimesso la scorsa settimana; il vicesegretario per gli Affari europei ed eurasiatici George Kent dovrebbe essere interrogato il 7 ottobre, il consigliere del dipartimento di Stato Ulrich Brechbuhl l'8 ottobre e l'ambasciatore degli Stati Uniti presso l'Unione Europea, Gordon Sondland, il 10 ottobre. Volker e Sondland si sono detti disponibili a rendere una deposizione. Non è chiaro se Pompeo possa impedire a Volker, che la scorsa settimana si è dimesso dal ruolo di inviato speciale per l'Ucraina, di presentarsi di fronte alla commissione Intelligence della Camera, dal momento che il funzionario non è più un impiegato del dipartimento. Le dichiarazioni del segretario di Stato arrivano dopo alcune indiscrezioni di stampa secondo cui Pompeo avrebbe assistito alla chiamata del 25 luglio del presidente Trump con l'omologo ucraino Volodymyr Zelensky, che ha portato la Camera ad avviare le indagini sulla messa in stato d'accusa (“'impeachment”) del presidente. (Sit)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..