REGIONE PIEMONTE
Mostra l'articolo per intero...
 
Regione Piemonte: Tronzano, pronti a cambiare la legge sul gioco d’azzardo
 
 
Torino, 10 ott 18:43 - (Agenzia Nova) - “Credo sarebbe stato giusto che gli effetti della legge regionale contro le ludopatie non fossero stati retroattivi. Penso che i consiglieri debbano avere il tempo necessario per valutare e decidere ma se il Consiglio dovesse presentare una proposta di legge che elimini la retroattività, sono pronto a sottoscriverla in qualunque momento”. Lo ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive Andrea Tronzano al termine dell’audizione svoltasi questa mattina a Palazzo Lascaris in seduta congiunta, delle Commissioni Lavoro e Sanità, presidenti rispettivamente Claudio Leone e Alessandro Stecco, e del Comitato per la qualità della normazione e della valutazione delle politiche, presidente Paolo Bongioanni. All’ordine del giorno le ricadute della legge 9/16, “Norme per la prevenzione e il contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo patologico”. All’incontro, presieduto dal presidente Leone, sono intervenuti rappresentanti delle associazioni di categoria, che hanno chiesto la moratoria degli effetti della legge regionale in attesa del riordino nazionale del settore, e degli enti di ricerca Eurispes e Ires Piemonte. Domenico Distante, presidente di Sapar, la più antica associazione italiana di gestori del gioco di Stato, si è soffermato sui danni provocati alle piccole e medie imprese del settore soprattutto dal punto di vista occupazionale e della sopravvivenza delle stesse. “Così facendo si va a incentivare il gioco senza controllo online, che danneggia anche i minori. Vi chiediamo di rivedere la posizione, noi non siamo contro di voi, ma vogliamo collaborare e chiediamo di essere aiutati”, ha detto. (segue) (Rpi)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..