INCENDIO OSPEDALE TIVOLI

 
 

Incendio ospedale Tivoli: urla, lacrime e panico, il racconto di un paziente "ore drammatiche"

Roma, 09 dic 2023 16:00 - (Agenzia Nova) - Le fiamme, le urla, le lacrime degli anziani ricoverati. E un sistema antincendio che forse non ha funzionato a dovere. E' il racconto drammatico di Enzo, 53 anni, uno dei 193 pazienti dell'ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli, alle porte di Roma, colpito la notte scorsa da un incendio che ha causato la morte di 3 persone. Enzo, quando è scoppiato il rogo si trovava ricoverato nel reparto di chirurgia, poiché mercoledì si era sottoposto ad un intervento alla prostata. "Sono state ore drammatiche, è andata via la corrente", racconta ad "Agenzia Nova". "Il sistema antincendio non ha funzionato a dovere, perché sono scattate le sirene, ma non l'impianto di estinzione a pioggia. Non usciva l'acqua da nessuna parte: andata via la corrente non è partita l'irrigazione", spiega. Nonostante avesse subito da poco un intervento, Enzo racconta di aver aiutato "infermieri e medici a evacuare i pazienti e a metterli in sicurezza sulla scala antincendio". La sua testimonianza è provata dalla terribile esperienza da poco vissuta: "Quello che mi è rimasto in mente sono, le urla e le lacrime dei pazienti anziani. Il panico generale". Alla domanda se avesse avuto paura, risponde: "in quel momento no perché hai l'adrenalina a mille. Ma adesso rivivo quei momenti con un po' di angoscia, quindi ne sto pagando le conseguenze adesso. Ho ancora l'adrenalina". (Rer)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE