SPECIALE ENERGIA

 
 

Speciale energia: Saipem rinnova sede di Fano e conferma presenza sul territorio marchigiano

Roma, 29 nov 2023 14:00 - (Agenzia Nova) - Saipem rinnova la propria sede di Fano, con interventi di ammodernamento pensati per assecondare le nuove modalità di lavoro e creare un ambiente che risponda ai bisogni delle persone, con una particolare attenzione agli aspetti di sostenibilità ambientale. L’intero complesso degli edifici Sud, che conta un’area complessiva oltre cinquemila metri quadrati – si legge in una nota –, è stato oggetto di una radicale riprogettazione per rendere gli spazi più moderni e funzionali e favorire la collaborazione fra le persone di Saipem e le delegazioni di clienti nazionali e internazionali, con sale polifunzionali e aree ristoro. Inoltre, è previsto l’allestimento di una palestra aziendale e di una Smart clinic, ovvero un punto medico dedicato ai dipendenti per soddisfare una pluralità di esigenze dell’ambito salute, dal consulto infermieristico, alla profilassi di viaggio, allo sportello psicologico, all’assistenza sociale aziendale. Importanti gli interventi di efficientamento energetico realizzati, volti a rendere la struttura più sostenibile dal punto di vista ambientale. Tra questi l’installazione da parte di Plenitude (Eni) di un impianto fotovoltaico da circa 1 Mwp che produrrà energia elettrica da fonte solare per oltre mille Mwh annuali, in grado di soddisfare circa il 30 per cento del fabbisogno energetico dell’intera sede. Proprio nei giorni scorsi Plenitude (Eni) e Saipem avevano firmato l’accordo per l’installazione dell’impianto. Nato originariamente nel 1970 per progettare condotte per il trasporto di gas e petrolio onshore in Italia, Il centro Saipem di Fano è diventato un importante polo di riferimento nella progettazione e costruzione di progetti integrati in ambito offshore e onshore in tutto il mondo. Oggi impiega oltre 1.100 persone che lavorano in sinergia con le altre realtà di Saipem e con numerose aziende ed enti accademici del territorio, generando un indotto di circa duemila lavoratori. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE