IRAN

 
 

Iran: Fratoianni (Avs), munizioni italiane utilizzate in sanguinosa repressione? Governo chiarisca

Roma, 01 dic 2022 13:31 - (Agenzia Nova) - "Ci mancava solo che nella violenta repressione del regime iraniano contro le donne e i giovani che da settimane scendono in piazza per libertà e democrazia ci fossero di mezzo armamenti italiani. Le inchieste di alcuni media francesi testimoniano che nelle vie insanguinate sono state ritrovate munizioni di un'azienda franco-italiana con sede operativa a Livorno. La stesse munizioni utilizzate anche nelle repressioni in estremo Oriente. Esigiamo chiarezza: alcune associazioni da Amnesty Italia ad Opal alla Rete Pace Disarmo hanno inviato una lettera di protesta alla Farnesina". Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra italiana Nicola Fratoianni parlamentare dell'Alleanza verdi e sinistra. "Il governo italiano dovrà rispondere in Parlamento ad una nostra interrogazione: vogliamo che sia fatta luce su questo ennesimo episodio vergognoso, siano individuate responsabilità, sia rispettata la legge e l'embargo di armi verso le dittature. Non si può un giorno nei talk apparire in tv con la faccia contrita per quello che accade a Teheran e poi - conclude Fratoianni - il giorno dopo permettere che ragazze e ragazzi siano uccisi con munizioni italiane".
(Rin)

"La costante attenzione a temi e zone meno notiziabili del mondo, costituiscono un valore aggiunto per Nova"

Emanuela Del Re
Rappresentante Speciale dell'Unione Europeaper il Sahel
20 luglio 2021


ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE