ASIA ORIENTALE

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Asia Orientale: Pechino punta su Corea del Nord e Giappone per attenuare i drastici mutamenti dell’ordine regionale (5)

Pechino, 25 giu 2018 12:46 - (Agenzia Nova) - Il passo successivo della Cina per la creazione di una “rete di partnership” globale è il Giappone. Sul piano degli equilibri regionali, Pechino ha ottenuto tramite il dialogo tra Washington e Pyongyang la sospensione delle esercitazioni congiunte statunitensi e sudcoreane nella Penisola coreana. L’ambizione della Cina è di giunge, in futuro, anche a una riduzione della presenza militare statunitense nell’Arcipelago giapponese. Si tratta di un obiettivo ancora remoto, ma che potrebbe divenire più plausibile nel caso Pechino si facesse ancor più recettiva agli sforzi profusi da Tokyo per normalizzare le relazioni bilaterali. Pechino ha già compiuto passi importanti in questo senso nei mesi scorsi, rilanciando il Dialogo economico e inviando il premier Li Keqiang a Tokyo, lo scorso maggio, per un summit trilaterale con la Corea del Sud. Proprio in tale occasione, Li ha invitato a sorpresa il premier Shinzo Abe a visitare la Cina entro la fine dell’anno. I piani della Cina sono complicati dalle difficoltà che il premier giapponese sconta sul fronte domestico, a causa dei recenti scandali legati a presunti casi di clientelismo che hanno coinvolto la sua amministrazione. Se Abe riuscirà ad ottenere la riconferma a leader del Partito liberaldemocratico, il prossimo settembre, seguirà quasi certamente una sua visita in Cina; la visita spianerebbe la strada a quella di Xi in Giappone l’anno successivo, prima dell’abdicazione dell’imperatore Akihito, e al riavvio della shuttle diplomacy tra i due paesi. (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE