IRAN

 
 

Iran: Ong, 133 morti dall’inizio delle proteste anti-governative

Teheran, 02 ott 14:24 - (Agenzia Nova) - È di 41 morti il bilancio aggiornato degli scontri armati tra le forze di sicurezza iraniane e un gruppo di manifestanti avvenuti il 30 settembre nella città di Zehdan, capoluogo della provincia sudorientale del Sistan-Balucistan, in seguito allo strupo di una ragazza di 15 anni. E’ quanto emerge dai dati diffusi dagli attivisti della regione del Sistan-Balucistan, sebbene le autorità iraniane abbiano dato un bilancio con 19 morti. Inoltre, secondo i dati diffusi dall’organizzazione non governativa Iran Human Rights (Ihr), che ha sede a Oslo, nelle proteste scoppiate in tutto il Paese in seguito alla morte della 22enne curda, Mahsa Amini, deceduta lo scorso 16 settembre a Teheran dopo l’arresto da parte della polizia morale iraniana per non aver indossato il velo in modo corretto, sono morte 92 persone. Sale, quindi, complessivamente a 133 il numero degli iraniani morti durante le proteste in corso ormai da due settimane in tutto il Paese per chiedere la caduta dell’attuale potere degli ayatollah. L’ong Ihr conferma l’interruzione e il rallentamento di internet negli ultimi dieci giorni. Oggi, intanto, proseguono le manifestazioni degli studenti universitari che richiedono anche il rilascio dei prigionieri politici. Da parte sua, un comandante dei pasdaran nella regione del Sistan-Balucistan, generale Mohammad Karami, ha dichiarato all’agenzia di stampa governativa “Irna” che l’area è in sicurezza. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE