LIBIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Libia: Consiglio di Sicurezza Onu conferma sostegno a governo Tripoli e respinge soluzione militare (4)

Washington, 16 nov 2017 19:32 - (Agenzia Nova) - Non ci sono scorciatoie militari per risolvere la situazione in Libia, ha proseguito il ministro degli Esteri italiano. “Una soluzione politica è indispensabile. Non ci sono scorciatoie militari, perché se una parte adotta l’opzione militare la crisi può continuare ancora per un lungo periodo e Daesh (acronimo di Stato islamico dell’Iraq e del Levante) potrebbe riemergere”, ha detto il titolare della diplomazia italiana. “La lotta contro il terrorismo deve rimanere una priorità strategica”, ha detto ancora Alfano. A tal riguardo, il controllo delle frontiere libiche è fondamentale per evitare l’eventuale ritorno in Europa dei foreign fighter sconfitti in Siria e in Iraq. “Oggi dopo la sconfitta di Daesh (acronimo arabo di Stato islamico dell’Iraq e del Levante) in Iraq e in Siria i combattenti stranieri potrebbero ritornare in Libia e da lì in Europa”, ha spiegato il titolare della Farnesina. “L’Italia ha salvato migliaia di migranti e rifugiati combinando solidarietà e sicurezza. Soprattutto in questo momento è un imperativo di sicurezza contrarsi sulle frontiere libiche. Si tratta di un compito che deve essere condiviso dai maggiori attori della Comunità internazionale”, ha detto Alfano. (segue) (Was)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE