ITALIA-CINA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Italia-Cina: Bradanini (Cscc) a "Nova", coronavirus potrebbe danneggiare adempimenti accordi commerciali (4)

Pechino, 19 feb 2020 15:41 - (Agenzia Nova) - "In realtà, Pechino dovrebbe essere chiamata a lavorare ad un recupero graduale di questo squilibrio che esiste tra Cina e Italia ma anche tra Cina e Europa, perché l'Europa ha un disavanzo nei confronti del paese asiatico di 185 miliardi di euro", afferma Bradanini. Il presidente Cscc aggiunge poi che i paesi europei che hanno una avanzo commerciale nei confronti della Cina sono solo tre: Finlandia e Irlanda (avanzo minimo di un miliardo di euro) ma soprattutto la Germania, che ha un avanzo commerciale di 18,3 miliardi di euro. "Quindi è la Germania che decide la politica cinese dell'Europa e poiché è per il momento vantaggiosa per Berlino il problema non viene sollevato. Pensiamo che gli Stati Uniti sollevano lo stesso problema commerciale con la Cina con cui ha un disavanzo di 380 miliardi di dollari", aggiunge il presidente Cscc. "Se l'Europa è immobile nei confronti della Cina questo è dovuto alla preponderanza degli interessi tedeschi che schiacciano gli interessi degli altri paesi europei, anche per quanto riguarda il disavanzo nei confronti della Cina. Il paese che soffre di più in termini di disavanzo nei confronti della Cina è il Regno Unito che però oggi non fa più parte dell'Unione europea (Ue). Dopo il Regno Unito c'è l'Italia, che è allora il paese con il più alto disavanzo commerciale ne confronti della Cina, ma di questo disavanzo nessuno apparentemente si occupa", sottolinea Bradanini. (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE