ITALIA-FINLANDIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Italia-Finlandia: ambasciatrice Rantala-Engberg a "Nova", i rapporti bilaterali sono ottimi (3)

Roma, 25 mag 11:27 - (Agenzia Nova) - Il rapido cambiamento d’opinione in Finlandia in merito all’adesione alla Nato, “quasi rivoluzionario”, è stato causato soltanto dall’attacco della Russia contro l’Ucraina, ha detto l’ambasciatrice. “Ma già alla fine dell’anno scorso”, ha proseguito, “abbiamo visto come (il presidente russo Vladimir) Putin si era espresso contro l’allargamento della Nato, dicendo che la Russia voleva garanzie di sicurezza”. In Finlandia ci si è chiesti cosa questo volesse significare: “non è possibile limitare la sovranità delle nazioni europee”, ha affermato Rantala-Engberg, evidenziando come le frasi del presidente russo abbiano cominciato a smuovere qualcosa nell’opinione pubblica finlandese. Il 24 febbraio “è stato un giorno tragico”, ha proseguito la diplomatica, citando poi i successivi sondaggi d’opinione condotti tra i cittadini in merito all’adesione alla Nato. Settimana dopo settimana, la percentuale dei favorevoli all’ingresso nell’Alleanza è progressivamente aumentata, arrivando ai dati attuali che vedono “il 75-80 per cento” degli intervistati pronti all’adesione. “Vuol dire che i finlandesi sono molto, ma molto d’accordo su questo tema”, ha detto Rantala-Engberg. Il Parlamento di Helsinki ha discusso per settimane e poi votato in merito alla presentazione della domanda di adesione, “con 188 deputati favorevoli su 200”, un segno di grande “unità e unanimità”. “Si può veramente dire che la nostra volontà di diventare un membro dell’Alleanza atlantica ha un reale sostegno della popolazione” e questo è importante “anche per la Nato, che non vuole Stati membri che non siano pronti” a questo passo. Finlandia e Svezia hanno presentato insieme la domanda di adesione, a fronte di una cooperazione di sicurezza che si è molto intensificata negli ultimi anni. “Era un passo naturale prendere questa decisione insieme”, ha detto l’ambasciatrice, evidenziando anche in questo caso come l’ingresso in contemporanea delle due nazioni scandinave sia anche positivo per l’Alleanza. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE