SERBIA

 
 

Serbia: Parlamento Ue, anche senza sanzioni a Mosca no a sospensione negoziati di adesione Ue

Belgrado, 29 set 14:26 - (Agenzia Nova) - Il Parlamento europeo ha chiarito oggi che le sanzioni contro la Russia "sono una condizione per l'avanzamento dei negoziati verso l'Unione europea della Serbia" e "non un motivo che può causare la loro sospensione". Lo scrive il quotidiano belgradese "Politika", secondo cui il gruppo dei socialisti e democratici al Parlamento europeo ha proposto di accogliere un emendamento nella relazione sull'allargamento dell'Unione, in cui si afferma che la Serbia "può avanzare nei negoziati di adesione all'Unione solo se impone sanzioni alla Russia e armonizza la sua politica estera con quella europea". Una fonte dello stesso gruppo politico ha chiarito che la proposta "non prevede il blocco dei negoziati", sottolineando che tutti i gruppi politici al Parlamento hanno accettato di sostenere l'emendamento ribadendo che la Serbia "non può procedere nei negoziati se non introduce sanzioni contro la Russia". Ieri è emersa la notizia che il Parlamento europeo avrebbe chiesto all'Ue di "sospendere i negoziati di adesione con la Serbia" fino a quando il Paese balcanico non avrà imposto sanzioni alla Russia. La Serbia è l'unico Paese della regione balcanica a non aver imposto sanzioni alla Russia. Le risoluzioni del Parlamento europeo non sono giuridicamente vincolanti per gli Stati membri o altre istituzioni europee. (Seb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE