ENERGIA

 
 

Energia: Germania ed Emirati firmano accordo per fornitura Gnl e diesel nel 2022 e 2023

Abu Dhabi, 25 set 2022 14:36 - (Agenzia Nova) - Il presidente degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed bin Zayed al Nahyan, e il cancelliere tedesco Olaf Scholz, hanno firmato un accordo volto a favorire la sicurezza energetica e la crescita industriale. Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa emiratina “Wam”, in occasione della visita di Scholz nel Paese del Golfo, il colosso energetico emiratino Adnoc ha firmato con il conglomerato per l'energia tedesco Rwe un accordo che prevede la fornitura a Berlino di Gas naturale liquefatto (Gnl) e diesel nel 2022 e 2023. La consegna di Gnl sarà di 137 mila metri cubi e sarà fornita al terminale galleggiante di Brunsbuettel vicino ad Amburgo, mentre il primo carico di diesel è previsto per settembre, con la possibilità di arrivare a 250 mila tonnellate al mese nel 2023. Adnoc ha inoltre annunciato un “numero imprecisato” di carichi di Gnl nel corso del 2023. "Questo segna un'importante pietra miliare nella costruzione di un'infrastruttura di fornitura di Gnl in Germania e nella creazione di una fornitura di gas più diversificata", ha affermato Rwe.

Prima dell’annuncio dell’accordo, Scholz aveva annunciato “alcuni progressi” compiuti durante i colloqui per l’acquisto Gnl e diesel dagli Emirati. Parlando con la stampa durante la sua visita negli Emirati, Scholz aveva ribadito la necessità di garantire una produzione di Gnl in grado di soddisfare la crescente domanda interna, “senza dover ricorrere alla produzione russa”. Il tour nei Paesi del Golfo non è però privo di polemiche per il cancelliere tedesco, per via delle critiche mosse in Germania e all'estero ai Paesi della regione in materia di diritti umani, mentre resta sullo sfondo il piano del governo federale per azzerare le emissioni di gas a effetto serra entro il 2045, con un anticipo di cinque anni rispetto a quanto pianificato in precedenza. Gli Emirati sono la seconda tappa del tour del capo del governo federale tedesco ne Golfo Persico, centrato sull’approfondimento della cooperazione in materia di innovazione e tecnologia informatica, energia e su questioni di sicurezza regionale.

Ieri Scholz ha incontrato a Gedda il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman per “approfondire la sua cooperazione nel campo dell'energia”. Parlando ieri con la stampa tedesca al termine dell'incontro, Scholz ha affermato che la partnership dovrebbe andare oltre i combustibili fossili per includere l'idrogeno e le energie rinnovabili. "Abbiamo discusso di come daremo forma al nostro futuro per sviluppare le nostre due economie verso un futuro a emissioni zero", ha affermato il capo del governo federale tedesco. Nel colloquio con il principe saudita, Scholz ha ribadito di aver anche affrontato questioni che coinvolgono i diritti umani e civili nei colloqui con il principe ereditario. In precedenza diversi esponenti politici tedeschi avevano invitato Scholz ad affrontare la questione dell'omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nel corso della sua visita. Interrogato se avesse discusso del tema con bin Salman, Scholz ha risposto: "Potete presumere che nulla sia rimasto non detto". Come riportato dallo "Spiegel", la visita del cancelliere è stata vista come un segno di una certa normalizzazione dei rapporti tra i due Paesi dopo la condanna unanime in Europa dell'omicidio del cronista saudita. Il portavoce del governo, Steffen Hebestreit, ha annunciato prima del viaggio che Scholz voleva affrontare l'argomento durante la visita, così come la situazione dei diritti umani nel Paese.

Nel suo tour nella regione, il cancelliere tedesco è accompagnato da una delegazione che include gli amministratori delegati di ThyssenKrupp, Sap, Airbus e Siemens Energy. In Qatar, Scholz dovrebbe incontrare oggi l’emiro Tamim bin Hamad Al Thani per discutere di piani a lungo termine per le forniture di gas e idrogeno. Il Qatar sta investendo miliardi di dollari per aumentare la sua capacità di Gnl di quasi il 65 per cento con i primi carichi del progetto North Field East che dovrebbero arrivare alla fine del 2025 o all'inizio del 2026. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE