SUDAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Sudan: presidente al Bashir vieta ogni manifestazione non autorizzata e accentua poteri di polizia (2)

Khartum, 26 feb 2019 11:23 - (Agenzia Nova) - Contro le nuove misure annunciate dal presidente, nel fine settimana migliaia di persone sono tornate in strada in diverse città del paese per chiedere a gran voce le dimissioni di al Bashir. La polizia e le forze di sicurezza del Sudan sono accusate di aver in questo contesto fatto uso di lacrimogeni ed armi non caricate a salve per contenere la protesta, come riferisce il quotidiano "Sudan Tribune", secondo il quale violenti scontri si sono verificati tra polizia e manifestanti ed oltre dodici persone sono state arrestate in queste circostanze. Testimoni citati dalla stampa locale denunciano un uso eccessivo della forza da parte della polizia, in particolare nei locali dell'Università di Scienze e tecnologie mediche di Khartum, dove alcuni filmati diffusi sui social mostrano gli agenti respingere e picchiare gli studenti con bastoni e fruste. Il Comitato centrale dei medici sudanesi (Ccsd) ha riferito che tre manifestanti sono stati feriti da colpi di arma da fuoco a Omdurman, città limitrofa a Khrartum e principale agglomerato del Sudan. Il paese è scosso dallo scorso 19 dicembre da proteste che secondo l'organizzazione per i diritti umani Human Rights Watch hanno causato la morte di almeno 51 persone, mentre le stime ufficiali del governo parlano di 31 morti, tra cui due addetti alla sicurezza. Le proteste hanno assunto nelle ultime settimane sempre di più i connotati di una sommossa contro il presidente Omar al Bashir, al potere dal 1989, il quale ha finora sempre fermamente respinto la richiesta di dimissioni, puntando il dito contro “i traditori e gli agenti stranieri” che complottano contro il Sudan. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE