DIFESA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Difesa: riunione tra Italia, Francia, Grecia, Spagna e Portogallo e consorzio coordinato da Naviris su corvetta europea

Roma, 21 ott 15:49 - (Agenzia Nova) - La nascita di una difesa comune europea passa da Palazzo Marina. È infatti la Marina militare italiana la capofila del progetto della corvetta europea (European Patrol Corvette), una nave progettata in coordinamento con alcune delle Marine Ue e che sarà costruita da quattro aziende di tre Paesi diversi, tra cui il colosso italiano Fincantieri. Il 6 ottobre, come riferisce oggi il sito web della Marina, si è tenuta in remoto la prima riunione operativa tra la Marina italiana, i rappresentati di Spagna, Francia, Grecia e Portogallo, il consorzio industriale (Navaris, Fincantieri, Naval Group, Navantia) e l’Agenzia europea per la difesa (Eda). "La riunione ha avuto esito molto positivo e ha rappresentato il primo ingaggio industriale in merito al progetto Epc, da cui sono emersi molti spunti utili. Questa condivisione dei requisiti di alto livello al di fuori dell’ambito governativo è infatti fondamentale per il prosieguo del progetto, anche in considerazione che il 9 dicembre scadrà il termine ultimo della gara europea bandita dall’European Defence Fund, strumento finanziario della Commissione UE che, insieme ai progetti Pesco, mira a sviluppare la Difesa Europea" dice il Comandante Andrea Quondamatteo, responsabile del progetto per la Marina militare. Questo è il progetto più importante del settore navale nell’ambito della cooperazione strutturata permanente in ambito difesa (Pesco) dell’Unione europea. È stato approvato dalla Commissione UE il 12 novembre 2019. Il primo Paese che si è unito all’Italia è stata la Francia, a seguire hanno aderito al progetto anche Grecia e Spagna. Il Portogallo per il momento rimane un osservatore, ovvero partecipa alle riunioni ma si riserva di aderire al progetto in un secondo momento. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE