PAKISTAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Pakistan: l’India teme il nazionalismo islamico, la Cina confida nell’asse di sviluppo

Nuova Delhi, 26 lug 2018 13:54 - (Agenzia Nova) - I risultati delle elezioni in Pakistan saranno annunciati ufficialmente a breve; le proiezioni, comunque, indicano Imran Khan, ex campione di cricket e fondatore del Movimento per la giustizia (Pakistan Tehreek-e-Insaf o Pti), come prossimo primo ministro, anche se non è ancora scontata la maggioranza parlamentare. Le sorti del Pakistan, uno Stato di quasi 200 milioni di abitanti, il più grande paese musulmano del mondo, una potenza nucleare e un’economia in via di sviluppo, sono rilevanti. Da sempre in bilico tra potere civile e militare, il paese dovrebbe vedere per la seconda volta l’avvicendamento tra un governo civile e un altro dopo il completamento di una legislatura. La democrazia e lo stato di diritto, tuttavia, restano fragili: nella campagna appena terminata migliaia di esponenti di partito sono stati accusati di violazioni alle regole elettorali. In attesa dei dati definitivi, ovviamente non ci sono reazioni da parte dei paesi dell’area più interessati, l’India e la Cina, che guardano con attenzione al cambio al vertice a Islamabad. (segue) (Inn)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE