IRAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Iran: ultraconservatore Ebrahim Raisi eletto nuovo presidente al primo turno

Teheran, 19 giu 10:25 - (Agenzia Nova) - Ebrahim Raisi, l’ultraconservatore capo della magistratura, già candidato perdente contro Hassan Rohani all’ultima tornata del 2017, è il nuovo presidente dell’Iran. I risultati emersi finora dalle elezioni presidenziali iraniane tenute ieri, 18 giugno, annunciati dall'Ufficio elettorale, garantiscono a Raisi ha preso un ampio margine di vantaggio sui rivali con 17,8 milioni di voti su 28,6 milioni di schede conteggiate. Seguono ben distanziati l’ex comandante dell'esercito del Corpo delle guardie della Rivoluzione islamica, Mohsen Rezaei, con 3,3 milioni di voti, il riformista ex governatore della Banca centrale, Abdolnasser Hemmati, con 2,4 milioni di voti e Amir Hossein Ghazizadeh-Hashemi con un milione di voti. Sebbene i risultati finali debbano ancora essere annunciati, Rezaei, Hemmati e Ghazizadeh si sono già congratulati con Raisi per la sua vittoria in messaggi separati. “Mi congratulo per la sua elezioni a 13esimo presidente della Repubblica islamica dell'Iran. Spero che il suo governo, sotto la leadership della Guida suprema ayatollah Ali Khamenei, porterà conforto e prosperità alla nazione”, ha scritto Hemmati, unico candidato moderato in corsa, sui suoi canali social. L’affluenza è stata bassa, nonostante gli appelli per recarsi alle urne lanciati questa mattina dalla guida suprema, ayatollah Ali Khamenei, e da leader politici e religiosi. Secondo l’agenzia di stampa “Fars”, vicina ai Guardiani della rivoluzione iraniana, alle 19:30 (ora locale) di ieri 22 milioni di iraniani su un totale di 59,3 milioni di aventi diritto si erano recati alle urne, pari a circa il 37 per cento degli aventi diritto. (segue) (Irt)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE