SPECIALE DIFESA

 
 

Speciale difesa: Draghi, per Italia cruciale cooperazione tra Alleanza e Ue

Bruxelles, 15 giu 13:15 - (Agenzia Nova) - La posizione di deterrenza e difesa della Nato deve essere attuata attraverso un approccio ad ampio spettro, guardando a tutte le direzioni strategiche, dalla regione indopacifica a quella mediterranea e per l'Italia è di cruciale importanza il rafforzamento della cooperazione tra Nato e Unione europea. Lo ha detto il premier Mario Draghi nel suo intervento durante il Summit della Nato. "La Nato è stata per gli ultimi 72 anni la pietra angolare della nostra sicurezza e difesa comune. Mentre cerchiamo di voltare pagina dopo una delle più gravi crisi sanitarie, economiche e finanziarie della storia contemporanea, riconosciamo che la sicurezza è un presupposto necessario per preservare e rafforzare le nostre democrazie e i nostri sistemi economici e sociali", ha detto. "Pertanto, è essenziale che la Nato si rivolga alla Comunità transatlantica. L'Italia sostiene pienamente le decisioni odierne di avviare, attraverso la Nato 2030, un processo di ulteriore adattamento per il prossimo decennio e per aggiornare il Concetto Strategico del 2010, basato sui tre compiti fondamentali: difesa collettiva, gestione delle crisi, sicurezza cooperativa", ha aggiunto Draghi. Per il premier, "l'ambiente della sicurezza è ancora in rapida evoluzione. Eppure, una cosa rimane la stessa: la centralità dell'Alleanza più potente e di successo della storia". (Beb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE