BALCANI

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Balcani: forum strategico di Bled, focus su integrazione Ue, immigrazione e rapporti con la Turchia (7)

Lubiana, 05 set 2017 18:58 - (Agenzia Nova) - Non è mancato un confronto su alcune delle questioni aperte tra i paesi della regione, come in particolare per quanto riguarda l’attuazione della sentenza sulla demarcazione dei confini tra Slovenia e Croazia. “E’ scandaloso che la Croazia, paese membro dell'Unione europea, non rispetti il diritto internazionale, non attuando la sentenza arbitrale sui confini con la Slovenia”, ha detto il ministro degli Esteri sloveno Karl Erjavec dopo che nei scorsi il premier croato Andrej Plenkovic si è detto pronto a discutere con l'omologo sloveno Miro Cerar sulla questione. Il capo del governo di Zagabria ha detto di essere pronto "a discutere delle questioni aperte sui confini di terra e di mare". In precedenza Cerar aveva dichiarato che la Slovenia è pronta ad "agire in modo determinato" se la Croazia non accetterà il verdetto arbitrale sulle linee di confine fra i due stati. "Il governo – ha detto Cerar – sta lavorando intensamente per dare alla Croazia sufficienti possibilità per cambiare la propria posizione, e dunque andare verso l'attuazione del verdetto". Il primo ministro sloveno ha precisato che sono previsti sei mesi per l'attuazione della decisione arbitrale sul confine con la Croazia e che il governo di Lubiana sta lavorando duramente per portare a termine il progetto. "La Croazia ha abbastanza tempo per cambiare idea e rispettare la sentenza", ha aggiunto Cerar. (segue) (Lus)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE