HONG KONG

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Hong Kong: il regista di “Do Not Split”, il documentario darà voce ai manifestanti

Berlino, 21 apr 17:30 - (Agenzia Nova) - In vista della Notte degli Oscar del prossimo 25 aprile, Pechino avrebbe richiesto ai suoi media di boicottare la premiazione di un documentario sulle proteste di Hong Kong, “Do not split”, una mossa che tuttavia finirà per dare ancora più visibilità alle ragioni dei manifestanti. Lo ha detto il regista norvegese Anders Hammer in un’intervista al quotidiano tedesco “Deutsche Welle”. Hammer, che ha già presentato il documentario al Sundance Film Festival nel 2020, ha affermato di non aver ricevuto notizie ufficiali dal governo cinese o di Hong Kong. Tuttavia, ha osservato il regista, la Cina si sbagliava “se sperava che la censura degli Oscar avrebbe arginato il dibattito”, poiché invece tale mossa “ha prodotto l'effetto contrario". "Il nostro film ha ricevuto più attenzione di quanta ne avremmo mai avuta, alimentando ancor di più il dibattito sui manifestanti e sulla soppressione dei diritti democratici di Hong Kong ", ha sottolineato Hammer. Anche la rete televisiva di Hong Kong “Tvb”, che da oltre 50 anni trasmette le premiazioni Oscar, ha dichiarato che quest'anno non trasmetterà l'evento, definendolo "puramente commerciale". (segue) (Cip)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE