Esteri

Mostra l'articolo per intero...
 
 

I fatti del giorno - Nord Africa

Roma , 23 apr 12:00 - (Agenzia Nova) - Libia: ministra Esteri Mangoush, “vogliamo un ruolo ancora più grande dell’Italia” - La Libia vuole che l’Italia svolga un ruolo “ancora più grande” nel risolvere le criticità che sta affrontando il Paese nordafricano. Lo ha detto oggi la ministra degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale della Libia, Najla el Mangoush, in un’audizione alla commissione Affari esteri della Camera dei deputati. La titolare della diplomazia libica, da ieri a Roma per la sua prima visita ufficiale in un Paese europeo, ha detto che “la fine delle ingerenze straniere” e “l’uscita di tutte le forze mercenarie” è una questione prioritaria per il nuovo Governo di unità nazionale di Tripoli. “Questo per noi è un problema strategico e un ostacolo nell’attuazione del Processo di Berlino”, ha detto ancora Mangoush, in riferimento ai risultati della conferenza tenuta in Germania nel gennaio del 2020. Negli incontri tenuti con i ministri italiani degli Esteri, Luigi Di Maio, della Difesa, Lorenzo Guerini, e dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, “ho potuto toccare con mano la serietà del governo italiano per attuare il Trattato di amicizia del 2008 e l’interesse dell’Italia a sostegno dell’agenda libica”, ha detto ancora Mangoush. La ministra, prima donna a ricoprire questo ruolo nella storia della Libia, ha poi indicato i principali obiettivi del governo unitario ad interim, tra cui “avviare una diplomazia moderata con tutti i paesi del mondo, sostenere la stabilità e la sicurezza su tutto il suolo libico, garantire i servizi essenziali alla popolazione, gestire il dossier Covid-19, preparare il terreno affinché si possano svolgere elezioni alla fine di quest’anno”. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE