USA-IRAN

 
 

Usa-Iran: “Wsj”, Washington disponibile ad allentare alcune sanzioni

New York , 22 apr 01:22 - (Agenzia Nova) - L'amministrazione del presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, sarebbe aperta all'ipotesi di alleggerire alcune delle sanzioni in vigore contro l’Iran, in particolare quelle che vanno a colpire settori fondamentali del tessuto produttivo ed economico della Repubblica islamica. Lo rivela il "Wall Street Journal", citando fonti a conoscenza dei fatti, nel momento in cui si avvicina la ripresa dei colloqui a Vienna per il ripristino del Piano d’azione globale congiunto (noto con l’acronimo inglese di Jcpoa). La decisione dell’Iran annunciata la scorsa settimana di produrre uranio arricchito al 60 per cento “aveva lo scopo di mostrare la capacità tecnica di Teheran ed è una misura reversibile”. Lo ha dichiarato il portavoce del governo iraniano, Ali Rabiei, in una conferenza stampa. "L'inizio dell'arricchimento dell’uranio al 60 per cento nell’impianto di Natanz è stata una dimostrazione della nostra capacità tecnica di rispondere al sabotaggio terroristico in queste strutture", ha sottolineato Rabiei, facendo riferimento al sabotaggio, attribuito all’intelligence israeliana, contro l’impianto situato a 200 chilometri a sud di Teheran avvenuto lo scorso 11 aprile. Il portavoce del governo iraniano ha aggiunto che questo processo potrebbe essere rapidamente invertito se gli Stati Uniti revocassero le sanzioni contro l'Iran. "Questa iniziativa può essere rapidamente revocata per tornare al livello di arricchimento concordato nell'accordo nucleare se altre parti accetteranno di adempiere ai loro obblighi", ha sottolineato il portavoce del governo di Teheran. L'Iran accusa Israele di essere responsabile dell'esplosione nella parte sotterranea del sito nucleare di Natanz. Ad oggi Israele non ha rilasciato commenti ufficiali sull'incidente che avrebbe provocato danni alle centrifughe per l’arricchimento dell’uranio.
(Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE