CONGO-KINSHASA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Congo-Kinshasa: proteste contro caschi blu Onu, ucciso un manifestante ad Oicha (3)

Kinshasa, 15 apr 16:22 - (Agenzia Nova) - La visita di Diagne giunge dopo che nella regione sono scoppiate proteste contro la presenza nella regione di Monusco, ritenuta incapace di garantire la sicurezza della popolazione. Diagne ha detto di accettare qualsiasi protesta, purché questa sia inserita in un dialogo. "Monusco capisce la rabbia della popolazione a seguito del persistere dell'insicurezza, ma per favore non distruggete le vostre infrastrutture, sono ancora così poche", ha detto. Secondo il funzionario, che ha precisato di essersi recato in visita su invito del governo congolese, la decisione risponde alla volontà di supportare i servizi già operativi in zona. "Il mandato che ci è stato assegnato è molto chiaro, (ed è quello) di assistere le forze di difesa e di sicurezza per proteggere la popolazione sofferente, sradicare le forze negative e anche sostenere l'autorità dello Stato per ripristinare le sue istituzioni qui in Congo", ha proseguito Diagne, che dal suo arrivo lo scorso lunedì ha incontrato i rappresentanti della società civile e i rappresentanti dei cosiddetti "gruppi di pressione" per discutere dell'attuale situazione di insicurezza. Il dialogo con gli attori della società civile, ha auspicato su Twitter, sarà il primo di una serie di dialoghi che "spero di organizzare regolarmente per discutere le nostre attività e chiedere il loro parere". Diagne ha incontrato anche il vescovo di Beni e Butembo, Melchisedec Sikuli Paluku, sottolineando che il consiglio rivolto dal religioso a Monusco di "fare la differenza" nella lotta all'insicurezza regionale "ha attirato la mia attenzione". (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE