Esteri

Mostra l'articolo per intero...
 
 

I fatti del giorno - Europa

Roma, 20 apr 12:00 - (Agenzia Nova) - Georgia: presidente Consiglio Ue Michel a Tbilisi per celebrare accordo fra governo e opposizione - Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è atteso oggi in Georgia. La visita giunge dopo che ieri la maggior parte dei partiti ha siglato il documento da lui proposto per risolvere la crisi politica nel Paese caucasico. Michel incontrerà i rappresentanti dei partiti politic per discutere su come intraprendere ulteriori passi per rafforzare i legami tra la Georgia e l'Unione europea. “Ho il piacere di annunciare che domani (oggi) sarò in Georgia per incontrare tutti voi, esprimere fiducia e discutere con voi su come faremo ulteriori passi insieme, al fine di rafforzare i legami tra la Georgia e l'Unione europea”, ha detto ieri Michel rivolgendosi in videocollegamento da Bruxelles ai partiti politici riuniti a Palazzo Orbeliani, la sede della presidenza georgiana. "Stasera sono a Bruxelles, ma oggi il mio cuore è in Georgia", ha aggiunto Michel, esprimendo così la sua vicinanza ai partiti politici georgiani. "Sei settimane dopo il mio arrivo in Georgia, la crisi politica è finita", ha detto Michel, che ha ringraziato tutte i partiti che hanno firmato il documento di accordo per aver rinviato le divergenze e messo al primo posto gli interessi del Paese. "Ho messo sul tavolo cinque questioni chiave che dovevano essere concordate per affrontare le sfide che esistono nel paese, e ho promesso di rimanere coinvolto in questo processo e ho nominato il mio rappresentante personale, Christian Danielsson, che è stato in Georgia due volte e ha tenuto molti incontri con tutti voi. Ho chiesto al mio gruppo diplomatico di sostenere il processo molto attivamente e dopo sei settimane la crisi politica è finita! Voglio ringraziare tutti voi per la vostra responsabilità e coraggio! Per mettere da parte le vostre differenze per gli interessi della Georgia", ha detto Michel. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE