USA

 
 

Usa: caso George Floyd, secondo difesa Chauvin ha agito come “agente ragionevole”

New York , 19 apr 22:30 - (Agenzia Nova) - L’ex agente statunitense Derek Chauvin, accusato di aver provocato la morte dell’afroamericano George Floyd a maggio del 2020, ha agito facendo quello che avrebbe fatto "qualsiasi agente di polizia ragionevole". Lo ha detto durante il processo in corso a Minneapolis il legale di Chauvin, Eric Nelson, replicando all'arringa finale dell'accusa. Nelson ha sottolineato che quella in cui si è trovato il suo assistito era una situazione "dinamica" e "fluida" che coinvolgeva un uomo di grossa corporatura alle prese con tre agenti di polizia. L’avvocato ha inoltre ribadito la tesi difensiva per la quale Floyd sarebbe deceduto per problemi cardiaci e per aver assunto “un cocktail di droghe illegali”, non per il ginocchio che Chauvin gli ha tenuto premuto sul collo per oltre nove minuti. Il procedimento in corso è considerato dalla stampa uno dei casi più importanti in materia di diritti civili da anni a questa parte, tenuto conto che la morte di Floyd ha innescato in tutto il Paese l’ondata di proteste guidata dal movimento “Black Lives Matter.
(Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE