SPECIALE INFRASTRUTTURE

 
 

Speciale infrastrutture: fondo Tci scrive a governo, no a interferenze e pressioni politiche su Atlantia

Roma, 19 apr 16:30 - (Agenzia Nova) - La valutazione dell’offerta avanzata dal gruppo spagnolo Acs per acquistare una quota rilevante di Autostrade per l’Italia (Aspi) dovrebbe essere svolta dal consiglio di amministrazione di Atlantia in maniera indipendente, e senza interferenze di natura politica. A chiederlo l’amministratore delegato del fondo britannico Tci (azionista di Atlantia), Christopher Hohn, in una lettera inviata il 12 aprile alla presidenza del Consiglio dei ministri e ai dicasteri dell’Economia e delle Infrastrutture. Nella missiva, che “Agenzia Nova” ha potuto visionare, viene ribadito come l’offerta avanzata dal gruppo di Florentino Perez sia “significativamente più alta rispetto a quella del consorzio guidato da Cassa depositi e prestiti”, e che “il governo italiano non dovrebbe mettere alcuna pressione su Atlantia relativamente alla chiusura dell’operazione”. Hohn ha ricordato come sia stato “proprio l’esecutivo italiano, a luglio dell’anno scorso, a chiedere che l’operazione si svolgesse in base alle condizioni di mercato”. (Rin)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE