CIAD

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Ciad: gruppo armato guidato dal nipote del presidente Deby aderisce a offensiva ribelle

N'Djamena, 19 apr 11:49 - (Agenzia Nova) - L'Unione delle forze della resistenza (Ufr), gruppo armato del Ciad guidato da un nipote del presidente Idriss Deby e formato da membri della sua stessa etnia zaghawas, ha annunciato la sua adesione all'offensiva ribelle lanciata lo scorso 11 aprile - giorno delle elezioni presidenziali - e che nelle ultime ore si è avvicinata alla capitale N'Djamena con l'obiettivo dichiarato di rovesciare il capo dello Stato. In un comunicato il portavoce di Ufr, Youssouf Hamid, ha sottolineato che l'Ufr "ribadisce il suo fermo sostegno alla coalizione e al presidente del Fronte per l'alternanza e la concordia in Ciad (Fact)" - la coalizione autrice dell'offensiva - e "chiede loro di continuare senza sosta le operazioni militari fino a quando il dittatore (il presidente Deby) non cederà il potere". A sua volta, come ribadito ieri dalla stessa coalizione Fact, l'Ufr invita "tutte le forze della nazione a sostenere con i loro molteplici contributi l'azione in corso per cacciare questo regime dal Ciad". Nel 2008 l'Ufr federò diverse forze ribelli in un tentativo di colpo di Stato, fermato in extremis alle porte del palazzo presidenziale di N’Djamena grazie al sostegno degli alleati francesi. Nel 2019 il gruppo, guidato dalla nipote del presidente Deby, Timan Erdimi, ha nuovamente tentato un'incursione nel Ciad nord-orientale dalla Libia, ma le sue forze sono state ancora decimate dagli attacchi aerei francesi. Dell'Ufr fanno parte soprattutto combattenti dell'etnia del presidente Deby, gli zaghawas, mentre alla coalizione Fact aderiscono in prevalenza gli gorane, un'altra etnia sahariana. (segue) (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE