GEORGIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Georgia: Movimento nazionale non firmerà accordo per risolvere crisi politica proposto da Michel

Tbilisi, 19 apr 10:51 - (Agenzia Nova) - Il partito georgiano Movimento nazionale unito (Unm) non firmerà il nuovo documento proposto dal presidente del Consiglio europeo Charles Michel per risolvere la crisi politica in corso nel Paese perché “la questione della liberazione dei prigionieri politici non è chiara”. Lo ha dichiarato Akaki Minashvili, parlamentare dell'Unm, in riferimento al documento presentato da Michel ai partiti di opposizione in Georgia per superare la crisi politica in atto, in cui si propongono elezioni anticipate se il partito al governo Sogno georgiano otterrà meno del 43 per cento di voti alle prossime elezioni amministrative, previste in autunno. Secondo Minashvili il documento “ha troppi punti deboli” e inoltre "si riferisce anche all'amnistia in un senso abbastanza ampio, che copre persone, funzionari pubblici che hanno usato la forza per danneggiare i nostri cittadini che protestano contro la Russia”. Il nuovo patto prevede infatti l'annuncio dell'amnistia per tutte le persone coinvolte nel caso della tentata irruzione nel Parlamento del giugno 2019 a Tbilisi da parte dei manifestanti di opposizione, un provvedimento che coinvolge anche il leader del partito all’opposizione Movimento nazionale, Nika Melia. “Un altro punto debole è che il presidente della Commissione elettorale centrale rimane in carica per altri due anni. Non è chiaro quando l'amministrazione elettorale cambierà. Il procuratore generale rimane ancora in carica, non c'è alcun riferimento a nuovi giudici, il che significa che non possono essere fatti cambiamenti reali”, ha aggiunto Minashvili. (segue) (Rum)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE