EGITTO

 
 

Egitto: governo conferma almeno 11 vittime in incidente treno a Qalyubia

Il Cairo, 18 apr 20:39 - (Agenzia Nova) - Il ministero della Salute dell’Egitto ha confermato ufficialmente la presenza di morti a seguito del deragliamento di un treno verificatosi oggi a Toukh, nel governatorato di Qalyubia, parlando di almeno 11 vittime e 98 feriti, mentre in precedenza media locali e panarabi avevano menzionato la cifra di 16 decessi. Lo riferisce un comunicato pubblicato questa sera sulla pagina Facebook ufficiale del dicastero egiziano. Il bilancio ufficiale è probabilmente destinato ad aumentare. Nel frattempo, secondo quanto riferito da diversi media arabi e locali, è giunta la notizia secondo cui tra i morti vi sarebbe anche un alto magistrato, ovvero Taher Abdel-Barry, vicepresidente dell’Autorità egiziana per le cause di Stato. Secondo le indagini preliminari, l’incidente si sarebbe verificato a causa di un eccesso di velocità da parte del convoglio, il treno 949 Il Cairo-Mansoura. Il presidente Abdel Fatah al Sisi, nel frattempo, ha ordinato di aprire un’inchiesta sull’incidente, formando un comitato comprendente l’Autorità di controllo amministrativo (Aca), l’autorità del Genio delle forze armate, la Facoltà tecnica militare e diverse facoltà di ingegneria in tutto il Paese, per individuare le cause del deragliamento. La commissione preparerà un rapporto dettagliato per il capo dello Stato. L’incidente di oggi è l’ultimo di una lunga serie di disastri ferroviari che in anni recenti hanno causato centinaia di morti in Egitto, generalmente causati – si ritiene – dalla manutenzione inadeguata delle infrastrutture. Si tratta inoltre del secondo incidente di questo tipo in meno di una settimana e del terzo in meno di un mese. Tre giorni fa un treno è infatti deragliato a Sharqia, causando il ferimento di almeno 15 persone, mentre quasi due settimane fa un devastante scontro fra treni a Sohag, nell’Alto Egitto, ha provocato 20 morti e 199 feriti. (Cae)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE