SLOVENIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Slovenia: presidente Pahor, no a modifiche dei confini nei Balcani (4)

Lubiana, 16 apr 17:02 - (Agenzia Nova) - Le dichiarazioni di Komsic su Pahor sono avvenute nello stesso giorno in cui un sito bosniaco, "Politicki.ba", ha pubblicato delle indiscrezioni su un presunto invio da parte del premier sloveno Janez Jansa di un "non paper" al Consiglio europeo che propone delle modifiche ai confini dei Paesi sorti dalle ceneri della ex Jugoslavia. Il premier Jansa ha subito smentito di avere stilato un documento del genere. Il Consiglio europeo non ha per il momento né confermato né smentito di avere ricevuto il presunto "non paper". Nella giornata di ieri però un altro sito, questa volta lo sloveno "Necenzurirano", ha pubblicato stralci di un documento in lingua inglese, senza firmatari, in cui si enumera una serie di proposte che comprendono fra le altre cose la disgregazione della Bosnia Erzegovina. La proposta riguarda l'unificazione della maggior parte del territorio della Repubblica Srpska (entità serba) con la Serbia. "La questione nazionale serba può essere in gran parte risolta annettendo parte della Repubblica Srpska alla Serbia. In questo caso, la Serbia è pronta ad accettare l'unificazione del Kosovo e dell'Albania", si legge nel documento. La terza proposta riguarda la questione nazionale croata, che può essere risolta in due modi, fondendo la maggioranza dei cantoni croati della Bosnia Erzegovina con la Croazia o concedendo uno status speciale alla parte croata della Bosnia Erzegovina (utilizzando il modello dell'Alto Adige). Il documento precisa infine che "i bosniaci avrebbero così uno Stato funzionante indipendente e se ne assumerebbero la piena responsabilità. In un referendum, le persone potrebbero scegliere tra un futuro Ue o non-Ue (Turchia). Per ora, la larga maggioranza dei bosniaci sostiene la prospettiva dell'Ue ma nel caso di un proseguimento del caos e di forte aumento dell'influenza turca e dell'Islam radicale, la situazione potrebbe deteriorarsi drasticamente nel prossimo decennio". (Seb)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE