AFGHANISTAN

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Afghanistan: Blinken, Usa continueranno investimenti e sostegno a popolazione (7)

New York , 16 apr 22:21 - (Agenzia Nova) - Sulla “percezione” del ritiro come una “vittoria” per i talebani, Dottori ammette che “non è una questione di percezioni”. Il dato infatti è “reale”. “Siamo in presenza di una indiscutibile vittoria dei talebani, che deriva dal mutamento della situazione strategica globale e della sopravvenuta minor rilevanza dell’Afghanistan negli equilibri mondiali. Ci ritiriamo perché si ritiene che il fine politico della missione originaria non sia più raggiungibile, se non al prezzo di un impegno senza termine a fronte del quale i vantaggi sarebbero minimi. Un tipo di coinvolgimento che il pubblico americano ha dimostrato di non accettare più, specialmente nel momento in cui le partite principali riguardano grandi potenze come la Cina e la stessa Russia”, dichiara l’analista. Sulla possibilità che il ritiro dall’Afghanistan dopo 20 anni possa essere considerato come un ulteriore disimpegno di Washington dalla regione in linea con la visione di Trump, Dottori fa notare come esista “una continuità piuttosto evidente tre le scelte dell’amministrazione Obama, della presidenza Trump e di Joe Biden”. Infatti, “gli Stati Uniti stanno cambiando la loro postura nel mondo, puntando su strumenti alternativi alla presenza militare diretta ovunque possibile. Sanno che la battaglia per la supremazia globale sarà decisa altrove: sui mari, nell’aerospazio, nella dimensione cibernetica e più in generale nelle alte tecnologie suscettibili di valenza strategica. Non sull’Hindu-Kush”. Per Dottori sono queste le ragioni che hanno portato Usa e Nato ad abbandonare il campo. “A Washington pensano che sia compito dei Paesi che si sentono maggiormente minacciati dall’instabilità intervenire a porvi rimedio. Gli Usa risparmieranno risorse, mentre ne spenderanno i loro competitori, senza particolari ritorni”, conclude Dottori. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE