MOLDOVA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Moldova: inviato Osce Frattini a "Nova", possibile accordo politico su conflitto Transnistria a negoziati "5+2" di Roma (2)

Roma, 04 apr 2018 17:28 - (Agenzia Nova) - In primo luogo l’inviato dell’Osce ha ricordato come la questione principale ruoti attorno all’adempimento di tutti gli otto punti stabiliti nel corso dell’ultimo round negoziale, che si è svolto a Vienna il 27-28 novembre dell'anno scorso. Misure tecniche da attuare, come quella di “targhe neutrali” per i cittadini della Transnistria, in modo da permetterne la libera circolazione in Moldova ma anche in Romania - porta verso l’Europa – ma che servono a produrre risultati concreti sul piano diplomatico e politico utili alla risoluzione del conflitto. Il presidente della Società italiana per l’organizzazione internazionale (Sioi), già ministro degli Esteri e commissario Ue, ha spiegato di aver riscontrato una “volontà comune” da parte di tutti i rappresentanti politici locali incontrati, tra cui anche il leader del Partito democratico della Moldova (Pdm), Vlad Plahotniuc, nel proseguire i negoziati al fine di portare a compimento tutti gli otto punti stabiliti. “Tutti hanno confermato la loro volontà di proseguire nei negoziati per arrivare a implementare gli 8 punti, che in alcuni casi sono stati avviati come per esempio quello delle scuole, ovvero per l’insegnamento in caratteri latini e non solo cirillici che riguarda più Tiraspol, o ancora quello della restituzione delle fattorie, su cui è in corso una definizione delle modalità tecniche per l’effettiva restituzione”, ha rilevato Frattini sottolineando che in altri capitoli negoziali, come nel caso delle targhe, siano necessari dei passi in avanti. (segue) (Gad)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE