MIGRANTI

 
 

Migranti: naufragio al largo della Tunisia, recuperati 41 corpi

Tunisi, 16 apr 21:25 - (Agenzia Nova) - Sale a 41 vittime il bilancio del naufragio avvenuto nelle scorse ore al largo delle coste della Tunisia. Lo riferiscono in una nota congiunta l'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr) e l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), esprimendo "profonda tristezza" per quanto accaduto. Secondo quanto appreso delle squadre locali dell'Unhcr e dell'Oim, tre sopravvissuti sono stati salvati dalla Guardia costiera tunisina, ma le ricerche sono ancora in corso. Sulla base delle informazioni iniziali, tutti coloro che sono morti provenivano dall'Africa subsahariana. "Questa tragica perdita di vite umane sottolinea ancora una volta la necessità di potenziare ed espandere le operazioni di ricerca e soccorso guidate dallo Stato in tutto il Mediterraneo centrale - si legge nella nota congiunta - dove circa 290 persone hanno perso la vita finora quest'anno". La barca si è capovolta al largo di Sidi Mansour durante un tentativo di migrazione illegale verso le coste dell’Italia. Secondo i dati del Viminale, i flussi migratori illegali via in mare lungo la rotta del Mediterraneo centrale sono aumentati del +164,08 per cento nel 2021: da 3.227 a 8.522 ingressi via mare alla mattina del 16 aprile. La rotta non riguarda solo la Tunisia, ma anche la Libia e l’Algeria. I tunisini guidano la classifica delle nazionalità dichiarate allo sbarco con 1.250 arrivi, davanti a 1.192 ivoriani, 931 bengalesi, 612 guineani, 559sudanesi, 452 egiziani, 447 miliani, 436 eritrei, 336 marocchini e 320 algerini (per altre 1.797 persone circa sono ancora in corso le attività di identificazione). (Tut)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE