ETIOPIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Etiopia: Usa chiedono ritiro "immediato" delle truppe eritree dal Tigrè (2)

New York, 16 apr 09:16 - (Agenzia Nova) - Nel frattempo, prosegue Hrw, "le prove di crimini di guerra e altre atrocità nel Tigrè continuano a crescere, senza lasciare dubbi sulla gravità della situazione e sul suo impatto sull'Etiopia e sulla regione più ampia. Questa settimana, dopo che il governo etiope ha annunciato il ritiro delle truppe eritree dai suoi confini, le forze eritree hanno aperto il fuoco sui civili nella città di confine di Adua, lasciando almeno nove morti e dozzine di feriti. Alla fine di marzo, le forze etiopi hanno giustiziato quattro uomini di fronte al personale di Medici senza frontiere. I funzionari della sanità e le Nazioni Unite continuano a riferire di orribili violenze sessuali da parte delle forze etiopi ed eritree. Milioni di persone hanno ancora bisogno di assistenza alimentare", si legge nella dichiarazione. "Per ottenere un risultato significativo sono necessari un maggiore controllo e un'azione unificata da parte del Consiglio di sicurezza. Il Consiglio dovrebbe tenere una sessione pubblica e condannare le violazioni dei diritti e il disastro umanitario che si stanno svolgendo davanti ai loro occhi. Dovrebbe dare voce a un chiaro sostegno per il controllo indipendente dell'assistenza umanitaria e un'indagine internazionale indipendente su presunti crimini commessi da tutte le parti con l'obiettivo di aprire la strada a un processo di responsabilità credibile. Il Consiglio dovrebbe anche chiarire che la mancata collaborazione con tali sforzi potrebbe portare a sanzioni mirate. I tigrini di tutti i ceti sociali - afferma Hrw - hanno ripetutamente descritto di sentirsi abbandonati non solo dal loro governo ma anche dal mondo. Il Consiglio di sicurezza dell'Onu deve farsi avanti di fronte a questo palese disprezzo per la sofferenza umana e le norme internazionali e agire oggi", conclude la nota. (Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE