Esteri

Mostra l'articolo per intero...
 
 

I fatti del giorno - Africa sub-sahariana

Roma, 16 apr 17:00 - (Agenzia Nova) - Africa: Cepi e Ua siglano accordo per produrre il 60 per cento dei vaccini del continente entro il 2040 - La Coalizione internazionale per le innovazioni in materia di preparazione alla lotta contro le epidemie (Cepi) e la Commissione dell'Unione africana hanno siglato un accordo per la creazione di cinque centri di ricerca sanitari in Africa, iniziativa che mira a poter produrre il 60 per cento dei vaccini di cui avrà bisogno entro il 2040. Lo ha annunciato il direttore dei Centri africani per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa Cdc), spiegando ai giornalisti che i cinque centri saranno istituiti nei prossimi 10-15 anni in tutte le parti del continente. "Una partnership fidata sarà fondamentale per far avanzare l'agenda per la produzione di vaccini nel continente. La partnership con Cepi simboleggia la cooperazione e la collaborazione per aiutare a rispondere alle minacce di malattie infettive e garantire la sicurezza sanitaria dell'Africa", ha detto Nkengasong al termine di una riunione virtuale sull'accordo. Secondo i dati dell'Africa Cdc, ad oggi solo l'1 per cento delle 12 milioni di dosi di vaccini contro il Covid-19 attualmente in circolazione in Africa sono stati prodotti nel continente. Di recente il capo della commissione dell'Ua, Moussa Faki Mahamat, ha ribadito che la produzione di vaccini e l'accesso al vaccino è "una necessità assoluta" per l'Africa, sottolineando la necessità di un "nuovo ordine sanitario mondiale". Fra i Paesi africani che ad oggi stanno producendo in casa i vaccini ci sono Algeria, Egitto, Marocco, Senegal, Sudafrica e Tunisia. (segue) (Res)
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE