TURCHIA

 
 

Turchia: leader partito Chp critica regolamento Banca centrale che vieta criptovalute

Ankara, 16 apr 16:17 - (Agenzia Nova) - Kemal Kilicdaroglu, presidente del Partito popolare repubblicano (Chp), principale formazione politica di opposizione al governo guidato da Recep Tayyip Erdogan, ha criticato la decisione presa dalla Banca centrale di vietare l’utilizzo delle criptovalute per il pagamento di beni e servizi a partire dal 30 aprile. In un messaggio sul suo profilo Twitter, Kilicdaroglu sottolineato che la decisione della Banca centrale è avvenuta “con il favore delle tenebre”, osservando come ormai le istituzioni compiano le loro “follie” sempre di notte. “Prima di prendere tali decisioni occorre discutere con tutte le parti interessate”, ha sottolineato Kilicdaroglu. La Banca centrale turca ha vietato l’utilizzo di criptovalute come i bitcoin per i pagamenti di beni e servizi, secondo quanto si legge nel nuovo regolamento per le criptovalute pubblicato oggi sulla Gazzetta ufficiale. La decisione giunge a seguito di un aumento dell’utilizzo delle criptovalute da parte dei cittadini turchi per proteggere i propri risparmi dall'aumento dell'inflazione e dal crollo della valuta turca. In una dichiarazione la Banca centrale ha affermato che le transazioni effettuate attraverso l'uso di criptovalute presentano rischi "irrevocabili". Per l’istituto di credito centrale le criptovalute "non sono soggette ad alcun meccanismo di regolamentazione e supervisione né a un'autorità di regolamentazione centrale”. Inoltre “i loro valori di mercato possono essere eccessivamente volatili". Per la Banca centrale le criptovalute vengono spesso utilizzate per azioni illegali. La restrizione entrerà in vigore il 30 aprile, secondo quanto riferito dalla Banca centrale turca. (Tua)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE