SPECIALE DIFESA

 
 

Speciale difesa: Sahel, coalizione civica, nel 2020 militari hanno ucciso più persone dei jihadisti

Bamako, 16 apr 13:00 - (Agenzia Nova) - Nel 2020 nella regione del Sahel i militari o i gruppi di auto-difesa hanno ucciso più abitanti di quanto non fatto dai gruppi armati. Lo sostiene la Coalizione civica del Sahel, che riunisce numerose organizzazioni della società civile saheliana e dell'Africa occidentale con l'obiettivo di far pressione sui governi affinché adottino un approccio capace di assicurare una migliore protezione delle popolazioni civili locali. In un rapporto pubblicato, la coalizione sottolinea che negli ultimi otto anni la rafforzata azione anti terrorista nella regione del Sahel, effettuata senza un adeguato intervento sociale, "ha alimentato tensioni comunitarie già esistenti e reso più fragili gli equilibri delle popolazioni locali". Secondo i dati raccolti dal progetto Acled (The Armed Conflict Location & Event Data Project), nel 2020 nei tre Paesi si contano 2.440 morti, con una percentuale di responsabilità extra-jihadista nelle uccisioni che in Niger, Mali e Burkina Faso supera quella dei terroristi. A titolo di esempio, i relatori ricordano che a ​Inatès, in Niger, la Commissione nazionale per i diritti umani (Cndh) ha identificato 71 corpi di civili in fosse comuni e ha dimostrato la responsabilità di elementi delle forze di difesa e di sicurezza nel marzo-aprile 2020. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE