ALITALIA

 
 

Alitalia: Lupo (M5s), no a nuovo caso Tercas, Ue indaghi su ciò che falsa mercato italiano

Roma, 12 apr 19:27 - (Agenzia Nova) - "Secondo la Commissione europea all'Italia non si starebbe applicando un doppiopesismo rispetto a Paesi come la Francia e la Germania perché si tratta di situazioni diverse e non comparabili, in quanto Alitalia era in crisi prima del Covid. A noi questa tesi non convince. Il Covid ha azzerato tutto. Non tenerne conto vuol dire procedere ottusamente verso una soluzione che non fa altro che penalizzare il nostro Paese". Lo dichiara in una nota Giulia Lupo, senatrice del Movimento cinque stelle. "Per Air France e Lufhtansa - prosegue - sono stati autorizzati finanziamenti miliardari. Per Alitalia 350 milioni con il contagocce. Se non è discriminatorio questo, rispetto a una pandemia che ha colpito tutti indistintamente, ci domandiamo cosa lo sia. 'Amministrazione straordinaria' significa una cosa ben precisa, non si mette perciò in dubbio che la situazione di Alitalia fosse diversa da quella degli altri due vettori. Ma se altre compagnie forti hanno avuto bisogno di aiuti economici, ancora di più dovrebbe averne una già in difficoltà, a meno che non si voglia dire che per gli errori passati il nostro Paese debba definitivamente rinunciare al vettore di bandiera. Anche sugli slot l'Ue ci lascia perplessi: che rapporto c'è tra il numero di slot e la discontinuità? Fino a che punto arriva la valutazione della discontinuità? Quello che si chiede è di conoscerne il perimetro e i parametri di riferimento, perché non risulta che ci sia un numero predefinito di slot che garantisca la discontinuità. Allora, se è una valutazione di merito, si chiede di conoscere il criterio di giudizio. Inoltre, dal momento che la Commissione europea è chiamata ed esprimere le proprie valutazioni sul piano industriale di Ita, mi chiedo come si può valutare sostenibile un piano quinquennale di una società a cui si sottraggono fette di mercato. E' stato considerato questo? Come ho già detto, sono altri i casi di aiuti di stato che alterano il nostro mercato, anche in maniera palese. Vorrei che anche su questi la Commissione Europea accendesse un faro e li condannasse. Quello che si chiede è di arrivare a una valutazione oggettiva, non pregiudiziale e con lo sguardo rivolto al passato. Non vorremmo si ripetesse un altro caso Tercas", conclude Lupo. (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE