ROMANIA

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Romania: premier Citu su taglio bonus a dipendenti pubblici, è mancata volontà politica

Bucarest, 09 mar 10:47 - (Agenzia Nova) - Per quanto riguarda la modifica della legge sui salari e il taglio dei bonus ricevuti dai dipendenti pubblici in Romania sarebbe stato meglio "andare oltre ma non c'è stata volontà politica". Lo ha detto il primo ministro romeno, Florin Citu citato dall'agenzia di stampa "Agerpres". Secondo il premier, i dipendenti della pubblica amministrazione dovrebbero essere pagati in base ai risultati e alla produttività. "Sono stato il primo a fermare gli aumenti di stipendio senza alcun collegamento con le prestazioni. Io ho mostrato coraggio. Stiamo lavorando alla legge sugli stipendi esattamente nella direzione che abbiamo detto nello spazio pubblico, ma c'è anche bisogno di volontà politica. A questo punto, io sarei andato un po' oltre. Non c'é stata molta volontà politica, ma la troviamo. Quanto a me, sono andato il più lontano possibile attraverso le ordinanze di emergenza", ha detto Citu. Il capo del governo ha affermato che la prestazione dovrebbe essere il criterio principale per la remunerazione dei dipendenti statali. "Non si tratta di tagliare o eliminare. Si tratta di legare il reddito alla performance. Si dice sempre che nel sistema pubblico non è possibile misurare la performance. Come non poter misurare le performance? È facile vedere dove ci sono delle performance e dove no. Bisogna avere gli strumenti per vedere. Attraverso questa legge sui salari cerchiamo di remunerare quelle brave persone nel settore pubblico, quelle persone che meritano di ricevere più soldi", ha conclusoo Citu che a febbraio ha dichiarato che gli aumenti dei dipendenti della pubblica amministrazione sono raddoppiati negli ultimi 4 anni. (segue) (Rob)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE