CREDITO

Mostra l'articolo per intero...
 
 

Credito: outlook Abi-Cerved, moratoria e misure straordinarie congelano Npl nel 2020

Roma, 05 mar 15:11 - (Agenzia Nova) - Le misure straordinarie a sostegno delle imprese adottate durante la pandemia hanno finora impedito che il blocco delle attività economiche e le successive restrizioni dovute all'emergenza si traducessero in un'impennata dei default delle aziende e in un aumento della rischiosità del credito: solo nel 2021 è atteso un aumento dei nuovi flussi di crediti deteriorati, con un miglioramento parziale nel 2022. Stando all'outlook Abi-Cerved sui crediti deteriorati dele imprese italiane, nel 2020 i tassi di deterioramento sono scesi al 2,5 per cento, e sono attesi in crescita al 4,3 per cento per l'anno in corso per poi tornare a calare nel 2022, attestandosi al 3,7 per cento. L'impatto della pandemia sui tassi di deterioramento nel biennio 2021-2022, prosegue la nota, risulterà più significativo per le medie imprese (dall'1,7 per cento del 2019 al 2,9 del 2022) e per le microimprese (dal 3,1 al 3,), e relativamente più contenuto per le piccole imprese, che al termine del periodo di previsione si attesteranno al 2,6 per cento. A livello settoriale, i comparti più colpiti saranno i servizi (dal 2,8 per cento del 2019 al 3,8 del 2022) e le costruzioni (dal 4 al 4,9) mentre l'industria, pur aumentando i tassi dal 2,3 per cento del 2019 al 2,9 del 2022, si manterrà su livelli inferiori a quelli del 2008. (segue) (Com)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE