SIRIA

 
 

Siria: “Wsj”, Biden ha annullato raid contro un secondo obiettivo delle milizie pro-Iran

New York, 05 mar 01:29 - (Agenzia Nova) - Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, avrebbe ordinato al Pentagono di condurre attacchi aerei su due obiettivi in Siria la scorsa settimana, ma ha annullato il raid contro uno dei due bersagli solo 30 minuti prima del bombardamento. E’ quanto sostiene il “Wall Street Journal”, in riferimento all’attacco aereo lanciato la notte tra il 25 e il 26 febbraio nel governatorato di Deir ez-Zor, nell’est della Siria. Diversi funzionari dell'amministrazione hanno rivelato al “Wsj” che, poco prima degli attacchi, un membro dello staff ha avvertito Biden che una donna e diversi bambini erano stati avvistati nel cortile del secondo obiettivo. I due aerei da guerra F-15 destinati al raid erano già in volo quando il presidente ha ritirato l’ordine di colpire il secondo bersaglio.
Il raid è stato il primo dell’amministrazione statunitense guidata da Joe Biden e ha provocato 22 morti fra esponenti delle Unità di mobilitazione popolare (Pmu) e delle milizie di Hezbollah irachene, che controllano il confine tra Siria e Iraq. L'ultimo attacco degli Stati Uniti contro la regione di confine siriana è avvenuto alla fine del 2019, durante l’amministrazione di Donald Trump. Come affermato dal portavoce del dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, John Kirby, gli attacchi aerei sono una risposta ai recenti lanci di razzi contro le forze Usa in Iraq, in particolare quelli del 15 febbraio contro la base della Coalizione internazionale a Erbil (nel Kurdistan iracheno) e del 20 febbraio contro la base militare di Balad a nord di Baghdad.
(Nys)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE