REPUBBLICA CENTRAFRICANA

 
 

Repubblica Centrafricana: Cpi, ex leader ribelli Yekatom e Ngaissona si dichiarano non colpevoli

L'Aia, 16 feb 16:40 - (Agenzia Nova) - I due ex leader ribelli della Repubblica Centrafricana (Rca) Alfred Yekatom e Patrice-Edouard Ngaissona, il cui processo si è aperto oggi presso la Corte penale internazionale (Cpi) dell’Aia, si sono dichiarati non colpevoli. Il processo, inizialmente in programma lo scorso 9 febbraio, è stato rinviato “a causa di circostanze impreviste legate al Covid-19”, come fatto sapere dalla stessa Corte in un comunicato. Nei confronti di Yekatom e Ngaissona pendono rispettivamente di 21 e 32 capi di imputazione tra cui crimini di guerra e contro l'umanità commessi contro la popolazione civile in Rca, tra cui omicidio, tortura e reclutamento di bambini soldato. I due imputati saranno processati congiuntamente poiché le accuse si riferiscono agli stessi attacchi. Ngaissona era il coordinatore politico delle forze anti-Balaka, le milizie a maggioranza cristiane fedeli all’ex presidente Francois Bozizé e istituite per contrastare le milizie musulmane Seleka, fautrici del colpo di Stato che nel 2013 estromise lo stesso Bozizé. Il processo nei confronti di Ngaissona e Yekatom inizierà a poche settimane dalla consegna da parte delle autorità di Bangui di Mahamat Said Abdel Kani, leader della fazione Seleka, anch’egli accusato di crimini contro l’umanità commessi nel 2013. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE