LIBANO

 
 

Libano: avvocati chiedono di indagare Salamé e altre istituzioni per prestiti agevolati

Beirut , 04 mar 14:48 - (Agenzia Nova) - Un gruppo di avvocati ha presentato una richiesta per aprire una nota informativa rivolta al procuratore generale della Corte d’appello del Monte Libano, Ghada Aoun, contro il governatore della Banca centrale libanese, Riad Salamé, e altre istituzioni in merito all’erogazione di prestiti sovvenzionati per progetti non contemplati dalla categoria. Lo riferisce l’agenzia di stampa libanese “Nna”. Secondo alcuni funzionari citati da “Nna”, “gli avvocati stanno prendendo di mira oltre a Salamé istituti commerciali e banche” in relazione a prestiti agevolati per progetti che non riguardano settori economici vitali. Il numero uno della Banca centrale è accusato sia dalla popolazione che dall’ambiente politico di essere responsabile della grave crisi economica che sta attraversando il Paese. (Res)
ARTICOLI CORRELATI
 
 
 
 
 
 
 
TUTTE LE NOTIZIE SU..
GRANDE MEDIO ORIENTE
EUROPA
AFRICA SUB-SAHARIANA
ASIA
AMERICHE